Diritto e Fisco | Articoli

Come si richiede il Telepass?

27 Marzo 2021 | Autore:
Come si richiede il Telepass?

Dove fare il contratto e ritirare il dispositivo che consente di evitare le code in autostrada ma che permette di risparmiare su altri servizi?

Hai cominciato a fare un lavoro che ti costringere a viaggiare spesso in autostrada. Oppure hai già raggiunto la pensione e vuoi recuperare un po’ di tempo perso visitando dei luoghi a te ancora sconosciuti, rigorosamente in auto per non essere vincolato a orari particolari e poterti muovere con maggiore libertà. In qualsiasi caso, una delle cose che vorresti evitare è l’eterna coda al casello. Come sai, esiste un modo per pagare il pedaggio senza fermarsi e, quindi, senza perdere tempo. Si tratta del Telepass, un dispositivo al quale sono riservate alcune porte dei caselli proprio per non fare la coda. Ma come si richiede il Telepass? E dove lo si può ritirare?

Tuttavia, dire che il Telepass serve solo per il pedaggio autostradale sarebbe riduttivo. Il dispositivo può essere utilizzato per altri servizi come l’acquisto del carburante, dei biglietti del treno o del traghetto, il pagamento di un parcheggio o del bollo auto, ecc. Vediamo, a questo punto, tutto quello che c’è da sapere sul Telepass, come richiederlo e dove utilizzarlo.

Telepass: che cos’è?

Il Telepass è un dispositivo contenuto in una piccola scatoletta, solitamente appoggiata al parabrezza dell’auto, che viene rilevato al passaggio del casello autostradale, permettendo di procedere al pagamento automatico del pedaggio.

La tecnologia si basa su un impianto ottico che si trova sulla strada e che rileva il passaggio dell’auto sulla quale è installato il Telepass. L’impianto manda un segnale ad un trasponder il quale, a sua volta, invia un altro segnale per alzare la barriera del casello ed un altro per addebitare il pedaggio sul conto corrente dell’intestatario del dispositivo.

La stessa tecnologia viene utilizzata per il pagamento degli altri servizi.

Telepass: cosa si può pagare?

Ecco, appunto. Dicevamo degli altri servizi, oltre al pedaggio autostradale, che è possibile pagare con il Telepass. Si tratta di:

  • ingresso ed uscita nei parcheggi convenzionati senza ritirare il biglietto e pagare alla cassa;
  • acquistare il biglietto del traghetto per attraversare lo Stretto di Messina senza scendere dall’auto o prenotazione di altre navi o traghetti;
  • entrare nell’Area C di Milano;
  • agenda gratuita delle scadenze dell’auto (bollo, assicurazione, tagliando, ecc.);
  • pagamento dei minuti effettivi di parcheggio sulle strisce blu;
  • acquisto di carburante;
  • pagamento del bollo auto;
  • pagamento della corsa del taxi;
  • noleggio di monopattini, bici elettriche e scooter;
  • acquisto di biglietti ferroviari;
  • lavaggio auto;
  • prenotazione e ritiro di cibi e bevande all’Autogrill.

Telepass: come richiederlo?

Il dispositivo Telepass si può richiedere in tre luoghi diversi:

  • banca o posta, nelle filiali e negli uffici abilitati: è possibile ritirarlo allo sportello oppure farlo arrivare a casa entro tre giorni;
  • uffici Punto Blu;
  • online, presso il sito telepass.com

In qualsiasi caso, è necessario presentare:

  • iban o Bancomat;
  • documento di identità valido;
  • libretto di circolazione del veicolo su cui si vuole abilitare il Telepass.

Telepass: quanto costa?

Il costo del Telepass varia a seconda del tipo di dispositivo scelto e, quindi, dei servizi a disposizione.

Il dispositivo base di Telepass, cioè il Family, ha un costo mensile di 1,26 euro ai quali occorre aggiungere i costi dei servizi e del pedaggio.

Telepass Pay costa 2,50 al mese ma comprende ulteriori servizi tramite un’app dedicata come il pagamento della sosta sulle strisce blu, del taxi o del pieno di carburante. Inoltre, vengono riconosciuti degli sconti su alcuni servizi, specialmente con la versione Plus, come ad esempio sul lavaggio auto, sullo skypass o sull’assicurazione del veicolo.

Telepass Pay X propone due anni di abbonamento gratuito a Telepass e Telepass Pay. Inoltre, gli sconti ed il cashback proposti danno la possibilità di risparmiare su diversi servizi. Al termine della promozione, il costo mensile sarà di 2,50 euro al mese. Tuttavia, è possibile disdire l’abbonamento in qualsiasi momento senza pagare alcuna penale.

Inoltre, ci sono altre soluzioni mirate per il settore business, in particolare per le partite Iva.

Telepass: a che serve l’area riservata sul sito?

I clienti di Telepass hanno la possibilità di registrarsi al sito in modo da avere a disposizione un’area riservata in cui poter visualizzare in qualsiasi momento i dati del contratto, i movimenti e le fatture, oltre a gestire autonomamente l’attivazione o la disattivazione di servizi o l’aggiornamento di dati.

Nel caso in cui il dispositivo venga attivato preso un ufficio Punto Blu, in banca o in posta, il cliente riceverà un codice ID tramite lettera o e-mail per registrarsi sul sito.

Telepass: quanti si possono abbinare ad un veicolo?

Ormai molte famiglie hanno due auto a disposizione, dovendole utilizzare per andare al lavoro o per consentire ad almeno due persone di essere autonome con la propria macchina per qualsiasi esigenza. La domanda è: possono abbinare entrambe le auto ad un solo dispositivo Telepass?

Con il contratto standard, cioè con il Telepass Family, è possibile associare fino a due veicoli ad un solo apparecchio. Tuttavia, è possibile richiedere un secondo dispositivo, cioè un Twin, associato allo stesso conto per altre due targhe. Aggiungendo 60 centesimi al mese, dunque, si può avere due dispositivi per quattro veicoli diversi.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube