Diritto e Fisco | Articoli

La veranda in metallo non è antiestetica e non va abbattuta

13 Gennaio 2014
La veranda in metallo non è antiestetica e non va abbattuta

I profilati di metallo, con cui è stata realizzata la veranda all’ultimo piano dello palazzo, non ledono il decoro della facciata dell’edificio, specie se di piccole dimensioni che non tolgono aria agli altri appartamenti.

Si salva dalla richiesta di demolizione la veranda dell’ultimo piano dello stabile realizzata con profilati di metallo: quando sia di ridotte dimensioni non nuoce al decoro della facciata dell’edificio e non toglie aria agli appartamenti sottostanti.

È questa l’opinione di una sentenza di questa mattina pubblicata dalla Cassazione [1].

Il codice civile [2] stabilisce che il proprietario dell’ultimo piano dell’edificio (o del lastrico solare) può elevare nuovi piani o nuove costruzioni (salvo che sia vietato dall’atto di acquisto). Ciò, però, può avvenire a condizione che la struttura non pregiudichi:

1 – le condizioni statiche dell’edificio;

2 – l’aspetto architettonico dell’edificio, né diminuire notevolmente l’aria o la luce dei piani sottostanti.

Ebbene, posto il rispetto della prima condizione, il solo fatto che il locale sia stato realizzato in profilati metallici non basta a configurare una lesione del decoro architettonico del fabbricato. E dunque non scatta la violazione del regolamento condominiale dal momento che non ricorre l’ipotesi della menomazione dell’estetica.

Inoltre, quando l’opera è destinata ad essere adibita a locale stenditoio e non a uso abitativo, le sue dimensioni ridotte permettono di escludere anche che la stessa possa togliere luce ai condomini dei piani inferiori.


note

[1] Cass. sent. n. 466/14 del 13.01.2014.

[2] Art. 1127 cod. civ.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

1 Commento

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube