Business | Articoli

Attenzione alla contabilità non dichiarata o in nero

23 Novembre 2014 | Autore:
Attenzione alla contabilità non dichiarata o in nero

La “contabilità in nero”, costituita da fogli, quaderni e appunti dell’imprenditore, può essere prova del maggior reddito e giustificare l’atto impositivo del Fisco.

La ricostruzione che il Fisco fa, tramite gli accertamenti della Guarda di Finanza, dei ricavi dell’impresa esaminando le scritture contabili rivenute presso il domicilio (o la sede, se si tratta di società) dell’imprenditore, può essere di carattere anche induttivo, vale a dire basata su appunti personali o informazioni che abbiano i requisiti di gravità, precisione e concordanza [1].

Quindi, la cosiddetta “contabilità in nero”, cioè al di fuori della normale contabilità, costituita da fogli, quaderni e appunti vari, sia scritti a mano che dattiloscritti, può essere prova del maggior reddito, incombendo al contribuente la prova contraria al fine di contestare l’atto impositivo notificatogli.

Lo ha stabilito una recente sentenza della Suprema Corte, decidendo su un ricorso del Fisco avverso una sentenza della Commissione Tributaria Regionale che aveva qualificato come “meri indizi”, e non elementi di prova, le scritture extracontabili rinvenute, in violazione del dettato normativo della legge richiamata [2].

Nell’accertamento delle imposte sui redditi, quindi, la contabilità “in nero” che possa ricavarsi da appunti personali e informazioni dell’imprenditore, costituisce un valido elemento indiziario, dotato dei requisiti di gravità, precisione e concordanza, che può dimostrare i maggior ricavi percepiti rispetto a quelli dichiarati.


note

[1] Art. 39 “Redditi determinati in base alle scritture contabili” del D.P.R. 29 settembre 1973 n. 600 “Disposizioni comuni in materia di accertamento delle imposte sui redditi”.

[2] Cass. sent. n. 22265 del 21.10.2014.

Autore immagine: 123rf com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube