HOME Articoli

Lo sai che? Pubblico impiego: lo scorrimento della graduatoria resta la regola

Lo sai che? Pubblicato il 14 gennaio 2014

Articolo di




> Lo sai che? Pubblicato il 14 gennaio 2014

Lavoratori alle dipendenze della pubblica amministrazione: per le assunzioni, lo scorrimento della graduatoria rappresenta la regola generale.

Durante la proroga di una graduatoria concorsuale, la decisione, da parte della pubblica amministrazione, di indire un nuovo concorso relativo all’assunzione degli stessi profili di quella graduatoria deve essere congruamente motivata.

Infatti, se non sussiste un diritto soggettivo all’assunzione in capo agli idonei, l’Amministrazione deve tenere conto che lo scorrimento delle preesistenti graduatorie deve costituire la regola generale, mentre l’indizione del concorso rappresenta solo un’eccezione.

È quanto affermato dal Consiglio di Stato in una recente sentenza [1].

Per cui se l’indizione del concorso va adeguatamente motivata (solo perché si debba seguire un procedimento amministrativo di rilevante complessità ed accompagnato ad oneri di bilancio come un nuovo concorso pubblico) non deve essere altrettanto motivata la chiamata di soggetti già scrutinati e dichiarati idonei a quelle determinate funzioni.

note

[1] Cons. St. sent. n. 6247 del 27.12.2013.

Autore immagine: 123rf.com


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:
Informativa sulla privacy

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI