Diritto e Fisco | Articoli

Infortunio in itinere: per il risarcimento 6 mesi da quando emerge la gravità della lesione

14 Gennaio 2014
Infortunio in itinere: per il risarcimento 6 mesi da quando emerge la gravità della lesione

Pubblici dipendenti: i sei mesi per chiedere l’equo indennizzo dell’infortunio in itinere partono non dalla data del sinistro ma da quando il danneggiato acquisisce consapevolezza dell’effettiva consistenza della gravità delle lesioni.

Il dipendente è tenuto a presentare la domanda di equo indennizzo per l’infortunio in itinere entro sei mesi: ma il termine non sempre decorre dalla data del sinistro, ma talvolta da quando il danneggiato ha la percezione delle lesioni subite durante il sinistro.

Lo ha detto stamattina la Cassazione [1].

La legge [1] stabilisce espressamente che la domanda di risarcimento debba essere inoltrata dal dipendente entro sei mesi dalla data in cui si è verificato il danno o da quella in cui ha avuto conoscenza dell’infermità o delle lesioni o, ancora, dell’aggravamento della patologia.

Circa però la decorrenza di tale termine bisogna fare una distinzione:

1) tutte le volte in cui le lesioni non siano immediatamente percepibili al momento dell’evento dannoso, il termine decorre dalla loro conoscenza (ossia da quando il lavoratore abbia avuto cognizione dell’infermità o delle lesioni stesse);

2) invece, quando lo siano, il termine decorre dall’evento dannoso.

In caso di lesioni e/o infermità derivanti dall’attività lavorativa, la legge prevede due distinti procedimenti e domande:

1) la prima diretta a far accertare l’eventuale dipendenza da causa di servizio delle lesioni o infermità [2];

2) la seconda diretta ad ottenere l’equo indennizzo, e dunque una precisa prestazione economica [3].

Anche se previsto per entrambe le domande un termine di sei mesi, si tratta di domande e procedimenti autonomi, il primo necessariamente precedente al secondo.


note

[1] Cass. sent. n. 586/14 del 14.01.14.

[2] Art. 4, comma 1, del Dpr 461/01.

[3] Art. 4, comma 6 del Dpr 461/01.

Autore immagine: 123rf.com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube