Diritto e Fisco | Articoli

Difetti di costruzione di immobili: la causa contro il costruttore e il venditore

14 Gennaio 2014
Difetti di costruzione di immobili: la causa contro il costruttore e il venditore

I gravi difetti di costruzione possono essere fatti valere anche dal successivo acquirente contro il costruttore venditore a condizione che questi abbia avuto un potere di direttiva o di controllo sui lavori dell’impresa appaltatrice.

In caso di gravi difetti di costruzione dell’immobile, la denuncia (e la relativa causa) può essere intrapresa non solo dal committente (diretto acquirente del costruttore/venditore), ma anche dai successivi acquirenti dell’immobile [1].

L’azione riguarda quei difetti che incidono profondamente sugli elementi essenziali dell’opera e che influiscono sulla durata e solidità della stessa, compromettendone la conservazione.

È questa la sintesi di una sentenza di ieri della Cassazione [2].

Il committente venditore assume la responsabilità per i vizi di costruzione qualora faccia redigere il progetto, nomini tecnici con funzioni di progettista delle opere architettoniche, delle strutture e degli impianti, nomini il direttore dei lavori e pattuisca con l’impresa esecutrice l’obbligo di eseguire l’opera come descritta nel capitolato speciale, nella Descrizione dei lavori e negli elaborati grafici di progetto.

La denuncia di gravi difetti di costruzione – precisa la Suprema Corte – e la conseguente azione di responsabilità, oltre che dal committente e suoi aventi causa, può essere fatta anche dagli acquirenti dell’immobile nei confronti del venditore che risulti fornito della competenza tecnica per dare direttamente, o tramite il proprio direttore dei lavori, indicazioni specifiche all’appaltatore esecutore dell’opera.

Se il venditore vuole esonerarsi dalla responsabilità dovrà provare in causa di non avere avuto alcun potere di direttiva o il controllo sull’impresa appaltatrice [3].


note

[1] Art. 1669 cod. civ. In tal caso, dunque, la responsabilità sarà di tipo extracontrattuale.

[2] Cass. sent. n. 467/14 del 13.01.2013. Cfr. anche Cass. sent. n. 4622/02; Cass. sent. n. 8109/97.

[3] Così da superare la presunzione di addebitabilità dell’evento dannoso ad una propria condotta colposa, anche eventualmente omissiva.

Autore immagine: 123rf.com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube