Business | Articoli

Quali sono le cause di nullità del contratto?

3 Aprile 2021 | Autore:
Quali sono le cause di nullità del contratto?

Invalidità del contratto: cosa succede all’accordo nullo? Contrarietà a norme imperative, assenza dei requisiti essenziali e illiceità della causa.

Il contratto è un accordo vincolante tra le parti, tant’è che si è soliti affermare che il contratto impegna coloro che vi hanno aderito esattamente come una norma di legge. La forza contrattuale è però messa in discussione quando ricorrono alcune circostanze che ne minano la validità. In casi del genere, l’accordo potrebbe saltare del tutto, nel senso che verrebbe cancellato come se non vi fosse mai stato. Ciò accade quando il patto è totalmente nullo.

Quali sono le cause di nullità del contratto? La legge prevede una serie di ipotesi al ricorrere delle quali l’accordo tra due o più parti deve ritenersi radicalmente nullo e, pertanto, improduttivo di effetti sin dall’inizio. A differenza dell’annullabilità (che è l’altra principale causa di invalidità del contratto), la nullità è tale sin dall’inizio e il giudice non deve far altro che prenderne atto con sentenza dichiarativa. La nullità, inoltre, non è sanabile: ciò significa che un contratto nullo è definitivamente spacciato, non essendo possibile recuperarlo se non convertendolo in un altro che abbia gli stessi requisiti di sostanza e di forma. Se vuoi sapere quali sono le cause di nullità di un contratto, prosegui nella lettura.

Nullità del contratto: cos’è?

La nullità contrattuale è l’ipotesi di invalidità più grave in cui possa incorrere un negozio giuridico: un contratto nullo, infatti, è un contratto giuridicamente inesistente, i cui effetti non si sono mai prodotti.

Ad esempio, chi ha stipulato un contratto di compravendita nullo dovrà restituire quanto ricevuto dall’altro e quest’ultimo dovrà fare lo stesso.

Tizio ha acquistato un’autovettura sulla base di un contratto nullo perché privo dell’indicazione precisa dell’auto e del prezzo. Il venditore dovrà restituire il danaro e il compratore dovrà fare lo stesso con l’automobile.

Cause nullità contratto: quali sono?

La nullità è la massima forma di invalidità prevista dall’ordinamento, il quale sanziona in questa maniera il contratto che si presenta talmente distante dai precetti normativi da non meritare un riconoscimento giuridico.

Secondo la legge, sono cause di nullità del contratto:

  • la contrarietà a norme imperative (cosiddetta nullità virtuale);
  • la carenza di uno degli elementi essenziali (nullità strutturale);
  • l’illiceità della causa o dei motivi comuni (contratto illecito);
  • tutte le altre ipotesi specifiche previste dalla legge (nullità testuale) [1].

Nullità per contrarietà a norme imperative: cos’è?

La prima ipotesi di nullità del contratto è quella che viene definita “virtuale”: è nullo in contratto che è contrario ad una norma imperativa, per tale dovendosi intendere quella che deve necessariamente essere osservata dai contraenti e che non può essere derogata.

È nullo il contratto con cui una persona offre come controprestazione la propria libertà personale, oppure un organo vitale: il diritto all’integrità fisica e a quella morale è un diritto assoluto del quale non si può disporre né rinunciare.

È nullo il contratto che viola una norma penale oppure una di diritto amministrativo: è il caso di chi acquista un bene demaniale oppure di chi sottoscrive un contratto con cui è commissionato un furto o un qualsiasi altro reato.

Questa ipotesi di nullità del contratto, cioè quella derivante dalla violazione di norme imperative, viene definita nullità virtuale perché essa si desume dai principi generali che reggono l’intero ordinamento giuridico italiano.

Nullità per carenza di elementi essenziali: cos’è?

La nullità del contratto può essere anche di tipo strutturale; essa ricorre ogni volta che il contratto manchi di uno dei requisiti essenziali stabiliti dalla legge.

Costituiscono elementi indispensabili del contratto:

  • il consenso tra le parti;
  • la causa;
  • l’oggetto;
  • la forma, ma solo quando stabilita dalla legge a pena di nullità [2].

In pratica, è causa di nullità del contratto l’assenza di uno di quegli elementi senza il quale non si potrebbe nemmeno parlare di accordo vincolante.

È nulla per difetto di oggetto la compravendita nella quale non sia stato stabilito il bene oppure il suo prezzo, purché quest’ultimo non sia desumibile da altri fattori.

È nulla per difetto di forma la compravendita di un bene immobile stipulata oralmente: per legge, occorre la forma scritta.

È nulla per carenza di forma la donazione fatta mediante scrittura privata anziché per atto pubblico.

Contratto illecito: cos’è?

La nullità del contratto si riscontra anche nell’ipotesi in cui la causa del contratto (cioè, la ragione che giustifica l’accordo stesso) o il motivo comune che ha spinto le parti a contrarre siano illeciti.

In pratica, se i contraenti hanno voluto il contratto per raggiungere uno scopo illecito, cioè contrario a norme imperative, buon costume od ordine pubblico, allora la legge interviene sanzionando il contratto con la nullità assoluta.

È nullo per illiceità della causa il contratto di lavoro a tempo determinato che il datore fa ripetutamente sottoscrivere al dipendente per evitare il sorgere di un rapporto di lavoro a tempo indeterminato.

È nullo per illiceità della causa il contratto di locazione stipulato a prezzi particolarmente elevati nella consapevolezza che l’immobile locato verrà utilizzato per fini illegali (deposito di armi, casa di prostituzione, ecc.).

Nullità testuale: cos’è?

Il contratto può essere nullo ogni volta che sia la legge, con disposizione ad hoc, a prevederne l’invalidità: ad esempio, è nullo il contratto la cui condizione sia illecita, oppure il contratto a cui è apposta una condizione sospensiva meramente potestativa.

Nullità del contratto: caratteristiche

Il contratto nullo è radicalmente inefficace sin dall’inizio: tutto ciò che è stato dato o ricevuto sulla sua base deve essere restituito. Proprio perché la nullità rappresenta la forma di invalidità massima del contratto, essa presenta le seguenti caratteristiche:

  • è imprescrittibile, nel senso che può essere rilevata in ogni tempo [3];
  • può essere fatta valere da chiunque ne abbia interesse, perfino d’ufficio dal giudice [4];
  • non è convalidabile, a meno che la legge non preveda diversamente [5].

Sono cause di nullità del contratto:
• la contrarietà a norme imperative (cosiddetta nullità virtuale);
• la carenza di uno degli elementi essenziali (nullità strutturale);
• l’illiceità della causa o dei morivi comuni (contratto illecito);
• tutte le altre ipotesi specifiche previste dalla legge (nullità testuale).

note

[1] Art. 1418 cod. civ.

[2] Art. 1325 cod. civ.

[3] Art. 1422 cod. civ.

[4] Art. 1421 cod. civ.

[5] Art. 1423 cod. civ.

Autore immagine: canva.com/


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube