HOME Articoli

Vero o Falso? Per un acquisto online mai consegnato è possibile una denuncia per truffa?

Vero o Falso? Pubblicato il 15 gennaio 2014

Articolo di




> Vero o Falso? Pubblicato il 15 gennaio 2014

Talvolta si. Infatti sono sempre più frequenti i casi in cui si ritiene che la mancata consegna di un acquisto effettuato in rete consista in una vera e propria truffa [1].

 

Lo shopping si fa sempre di più sul web e il giro d’affari è in continua crescita nonostante la crisi; nello stesso tempo è facile essere “truffati” se non si seguono alcune regole di base.

Uno dei principali rischi che si corrono a fare acquisti online è proprio quello di non vedersi consegnata la merce che invece si è regolarmente pagata (in anticipo). In questo caso il venditore commette di sicuro un illecito civile in quanto non adempie all’obbligo di consegnare la merce e quindi l’acquirente potrà citarlo in un giudizio civile per ottenere la restituzione della somma pagata e il risarcimento del danno.

Comunque, sempre più spesso si ritiene che la mancata consegna di merce acquistata online sia una vera e propria truffa. Quindi l’acquirente può anche denunciare penalmente il venditore chiedendone la punizione.

Attenzione però: affinché si possa parlare di truffa è necessario che il venditore abbia indotto in errore il compratore convincendolo ad acquistare con “artifici e raggiri”. Un caso classico consiste nel prospettare notevoli vantaggi economici all’acquirente ponendo in vendita la merce a un prezzo di gran lunga più basso rispetto al prezzo di mercato. Oppure si configura un artificio e raggiro quando il sito, ben allestito, faccia presumere l’esistenza di un negozio fisico con una sede e un magazzino, che invece non esiste. Oppure quando si diano estremi di partita Iva e sede del tutto fasulli e fantasiosi.

Gli artifici e raggiri sono più ricorrenti negli acquisti online piuttosto che negli acquisti tradizionali. Infatti, le vendite attraverso gli oramai noti siti internet sono contraddistinte, nella maggior parte dei casi, da una parte dall’assoluta mancanza di contatti diretti tra le parti e dall’altra dal dover pagare in anticipo quanto acquistato, con conseguente alto rischio per l’acquirente.

Ad ogni modo, seguire qualche semplice regola può aiutare a evitare spiacevoli inconvenienti. In generale, è consigliabile farsi un’idea su prodotti e dei siti leggendo recensioni, forum e chat. Inoltre è consigliabile controllare che i dati dell’indirizzo fisico e della partita IVA del venditore indicati nell’inserzione corrispondano a quelli per il pagamento.

note

[1] art. 640 cod. pen.

Autore immagine: 123rf.com


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:
Informativa sulla privacy

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI