Cronaca | News

Botti di Capodanno: le multe previste

30 Dicembre 2020
Botti di Capodanno: le multe previste

Petardi e fuochi d’artificio vietati in molte città. E le sanzioni si sommano a quelle per la violazione del coprifuoco.

Violare le regole del «Capodanno Covid» (parafrasando il presidente dell’Istituto superiore di sanità, Silvio Brusaferro, che ha parlato di «Natale Covid») potrebbe costare molto caro. Tra multe per i botti e per il mancato rispetto del coprifuoco, si rischia di pagare un salasso.

In molte città, infatti, non è consentito sparare petardi: lo proibiscono le ordinanze dei sindaci che, se trasgredite, comportano l’erogazione di una sanzione. L’importo varia da Comune a Comune e può oscillare tra un minimo di 500 euro e un massimo di cinquemila.

Al momento, le città dove i botti sono espressamente vietati sono: Palermo, Napoli, Prato, Pistoia, Lucca, Montecatini, Treviso, Desio, Genova, Bari e Cesenatico, ma la lista è destinata ad aumentare. Non solo per ragioni di crescente sensibilità nei confronti degli animali, che li temono, o di acclarata pericolosità, ma anche per le particolari circostanze di quest’annata anomala, che è possibile spingano molti primi cittadini sulla via del divieto.

A maggior ragione quest’anno, infatti, i botti non hanno senso: anche se si va a cena da parenti/amici, entro le 22 si deve rientrare a casa e rimanerci fino alle 7. In caso contrario, si rischia anche la sanzione per aver violato il coprifuoco, che va dai 400 ai 1000 euro. E che può essere anche aumentata fino a un terzo.

Uno di questi casi è «se la violazione avviene mediante l’utilizzo di un veicolo», cioè se si viene fermati in macchina una volta passate le 22 o se si viene fermati, sempre nella propria auto, mentre ci si sta spostando in un’altra regione per un motivo che esula da quelli canonici (salute, lavoro, necessità). Il Viminale ha già annunciato controlli rafforzati sulle principali arterie stradali per vigilare sul rispetto delle restrizioni anti-contagio.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube