Diritto e Fisco | Articoli

Quanto guadagna il medico per ogni assistito?

31 Dicembre 2020 | Autore:
Quanto guadagna il medico per ogni assistito?

La retribuzione del «dottore di famiglia» si basa sul numero di utenti a lui affidati. Ecco le cifre medie annue che può guadagnare.

La figura del medico di base è, probabilmente, una delle più controverse del Sistema sanitario nazionale. Riveste un’importanza fondamentale non solo per le sue capacità di osservare un paziente, di capire quale può essere il suo problema di salute, di sapere dove indirizzarlo per fare approfondire una diagnosi. Ma anche – qualità spesso sottovalutata – per la sua abilità nel saper ascoltare chi si reca da lui con la scusa di avere un po’ di tosse ma con la vera intenzione di scambiare due parole e di avere un po’ di conforto. È uno dei professionisti della sanità pubblica più amati quando risolve velocemente un problema e più «odiati» (il termine va obbligatoriamente tra virgolette) quando il paziente deve attendere più del solito in ambulatorio per fare una ricetta. Tutto questo ha un prezzo. Ma quanto guadagna il medico per ogni assistito?

Già, perché lo stipendio del medico di famiglia non si basa solo sulla qualifica, le mansioni o gli altri elementi di cui solitamente si tiene conto per la retribuzione di un lavoratore dipendente. In questo caso, si tiene conto del numero di assistiti a lui affidati. Tanti utenti appartengono alla sua lista di pazienti, tanto guadagna al mese.

Esiste, però, un numero massimo di assistiti che un medico di base può avere ed anche una sorta di «tariffa» per ciascuno di loro in base alla quantità di utenti seguiti. Vediamo quanto guadagna un medico per ogni assistito.

Medico di base: quali sono i suoi compiti?

All’inizio di questo articolo abbiamo citato, in modo un po’ romanzato, alcune delle funzioni svolte dal medico di base, compresa quella di ascoltare chi va a farsi misurare la pressione per avere un po’ di conforto dal suo dottore. Ci sono, però, dei compiti ben precisi affidati al medico di famiglia. Nello specifico, deve:

  • proteggere la salute dei suoi assistiti attraverso attività di diagnosi, riabilitazione, terapia, prevenzione ed educazione sanitaria;
  • soddisfare i bisogni sanitari dei suoi assistiti in ambulatorio o a domicilio per garantire i livelli essenziali di assistenza;
  • partecipare allo sviluppo della cultura sanitaria;
  • gestire le patologie dei suoi assistiti, specialmente quelle croniche ed acute;
  • fare delle visite in ambulatorio e a domicilio a scopo diagnostico e terapeutico;
  • confrontarsi con i medici specialisti;
  • tenere aggiornata la scheda sanitaria dei pazienti;
  • rilasciare i certificati obbligatori previsti dalla legge sia per la frequentazione della scuola o delle attività sportive sia per dichiarare l’incapacità temporanea al lavoro.

Medico di base: quanti assistiti può avere?

Abbiamo detto che ogni medico di base ha un numero massimo di assistiti di cui prendersi carico. Questo limite è fissato in 1.500 pazienti, anche se questa cifra può essere ottimizzata a seconda del territorio.

Medico di base: quando deve ricevere?

Il medico di famiglia deve garantire le visite almeno durante cinque giorni la settimana, possibilmente da lunedì a venerdì. Il sabato non è tenuto ad essere a disposizione se non per appuntamento o per una visita domiciliare se ce ne fosse bisogno entro le 10 dello stesso giorno e dopo quell’ora per le visite che non ha effettuato o che sono state richieste il giorno prima.

Deve, inoltre, rispettare un orario adatto al numero di iscritti. Ad esempio, non meno di 5 ore la settimana se ha fino a 500 assistiti oppure 10 ore se ha fino a 1.000 assistiti e 15 ore se arriva alla soglia dei 1.500 assistiti.

L’orario deve essere esposto all’estero dell’ambulatorio medico.

Il medico di base non può chiedere un compenso per le visite a domicilio se il paziente non è trasportabile in ambulatorio o se si tratta di un caso urgente. Altrimenti, è legittimato a fare la visita a pagamento.

Da ricordare che il dottore, anche se stabilisce su appuntamento le visite in ambulatorio, non può rifiutarsi di ricevere un paziente senza appuntamento per una richiesta di urgenza.

Medico di base: quanto guadagna?

La retribuzione del medico di base, come si diceva, viene stabilita in base al numero di assistiti. Di norma, percepisce circa 70 euro lordi per ogni utente se hanno meno di 500 pazienti, ma il compenso può arrivare a 35 euro per ogni utente se hanno un numero più alto. Significa che alla fine del mese si ritrova, solo per la quota assistiti, uno stipendio lordo (da cui togliere tasse ed eventuali spese per la gestione dell’attività) tra i 3.500 ed i 6.000 euro mensili.

A ciò si aggiungono le maggiorazioni per anzianità, i contributi per gli assistiti over 75 ed eventuali indennità per reperibilità notturna.

Mediamente, il medico di base con meno di tre anni di esperienza può guadagnare circa 71.500 euro. Uno con un’esperienza da 4 a 9 anni, può arrivare a 123mila euro circa. Tra i 10 e i 20 anni di carriera, si può contare su una retribuzione lorda annua di 123mila euro. Infine, i più esperti con più di 20 anni di carriera possono portare a casa una retribuzione lorda media complessiva di circa 160mila euro.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

4 Commenti

    1. Un qualsiasi medico può “Ricusare” ovvero obbligare l’assistito a non essere più tale, con un preavviso di 30gg, senza dare motivazione alcuna.

  1. “Di norma, percepisce circa 70 euro lordi per ogni utente”
    Quante chiacchiere inutili per dire una cosa che puo essere espressa in una riga.

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube