HOME Articoli

Vero o Falso? Vero che la donazione non può mai essere revocata?

Vero o Falso? Pubblicato il 15 gennaio 2014

Articolo di




> Vero o Falso? Pubblicato il 15 gennaio 2014

Falso. Si può revocare la donazione, una volta accettata, solo se ricorrono due gravi motivi:

1-     l’ingratitudine di chi ne viene beneficiato (c.d. donatario), che si realizza solo quando:

a)     il donante abbia commesso un grave reato nei confronti del donatario (omicidio, tentato omicidio, calunnia);

b)     il donatario abbia rivolto una grave ingiuria nei confronti del donante;

c)     il donatario abbia danneggiato in modo grave e intenzionale il patrimonio del donante;

d)     il donatario abbia rifiutato al donante gli alimenti, dovuti per legge.

Per esercitare la revocazione, il donante ha tempo un anno dal giorno in cui è venuto a conoscenza dell’ingratitudine.

2-     Nel caso di donazione fatta prima di avere figli (o ignorando di avere dei figli), essa può essere revocata dal donante entro 5 anni dal giorno della nascita del figlio (o dal giorno in cui ha saputo di avere un figlio).

note

Autore immagine: 123rf.com


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:
Informativa sulla privacy

ARTICOLI CORRELATI

2 Commenti

  1. SICCOME ABBIAMO ACQUISTATO UN MONOLOCALE , PER AVERE L’AGEVOLAZIONE SEL 4 ° DI IVA ABBIAMO FATTO LA SEPARAZIONE DEI BENI LA CASA DOVE ABITIAMO MIA MOGLIE MIA HA DONATO IL SUO 50° VOLENDO DOPO 5 ANNIA POSSIAMO RITORNARE ALLA COMUNIONE DEI BENI . CONVIENE FARE QUESTO,XCHè HO SETITO DIRE CHE IL MIO APPARTAMENTO ADESSO PROPRIETARIO AL 100° DOVREI FARE FATICA A VENDERE LA CASA DONATA. GRAZIE

    1. L’enorme numero di consulenze che riceviamo ogni giorno ci ha obbligato ad attivare uno speciale servizio di richiesta, tramite “ticket”, onde poter dare un riscontro a tutti, professionale ed in tempi certi.

      Per acquistare il “ticket” online è necessario collegarsi al portale https://www.laleggepertutti.it. Sul menu di sinistra troverà, sotto la voce rossa “servizi”, l’opzione “Richiedi consulenza”.
      Lo stesso risultato si può raggiungere cliccando sulla scritta, posta sopra ogni articolo, “Richiedi consulenza su questo argomento”.

      A quel punto, il sistema La guiderà nel pagamento attraverso carta di credito, Paypal o Postepay.

      Si tratta di un’operazione molto semplice e dal modico prezzo (euro 29,00 iva compresa) che ci consente di rispondere alle svariate domande che ci arrivano da tutta Italia.

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI