Diritto e Fisco | Editoriale

LLpT: la prima piattaforma in Italia di servizi legali

16 Gennaio 2014 | Autore:
LLpT: la prima piattaforma in Italia di servizi legali

La prima. E anche l’unica.

Il nostro progetto – nato inizialmente dalla voglia di condividere la conoscenza giuridica non solo con i colleghi, ma con tutti gli italiani – è giunto oggi a una svolta epocale. “La legge per tutti” non è più soltanto un portale di informazioni, ma una piattaforma di servizi. La prima. E anche l’unica.

In un settore – quello legale – che è sempre stato ostinatamente chiuso e conservatore, antitecnologico (si pensi alle restrizioni per i siti internet degli avvocati) e, a nostro parere, anche anticoncorrenziale (si pensi all’obbligatorietà delle tariffe, al divieto di pubblicità e di prestazioni gratuite, divieti caduti solo di recente non certo per nostra “illuminazione”, ma solo grazie all’Unione Europea), la presenza degli avvocati sulla rete è sempre stata cauta e timida.

Solo grazie a Facebook e Linkedin, i legali italiani hanno iniziato a sporgere il capo, ma con il segreto timore che un gesto di troppo potesse ricevere la censura del Consiglio dell’Ordine.

Tutto ciò si è riversato in una concreta difficoltà, per il cittadino, di accedere ai servizi legali in modo facile, economico e veloce.

Ecco perché “La Legge per Tutti”, divenuta ormai “il sito giuridico di tutti gli italiani”, ha voluto ampliare la propria mission.

Siamo convinti che la legge, nata per il cittadino, debba rimanere di proprietà del cittadino, senza intermediari e senza restrizioni. Proprio perciò crediamo fermamente in quello che stiamo facendo. E continueremo a lavorare incessantemente perché il servizio di LLpT cresca, migliori e si faccia portatore delle vostre reali esigenze.

Quello che vedete oggi è solo l’inizio. Siamo pronti a scommettere che tutto partirà da oggi. Tutto partirà da qui.

Grazie a tutti i nostri amici.

Il team di LLpT

GUARDA IL NUOVO SPOT DI LLpT – clicca sul video qui sotto



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

3 Commenti

  1. Condivido pienamente l’articolo, colgo l’occasione per ringraziarvi per l’opera meritoria svolta anche attraverso il veb. Vi seguo volentieri, con stima Luigi Pelagi.

  2. In bocca al lupo per questa nuova iniziativa. Seguo sempre con molto interesse i vostri articoli. Cordiali saluti

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube