Lavoro e pensioni: tutte le novità del 2021

4 Gennaio 2021 | Autore:
Lavoro e pensioni: tutte le novità del 2021

Conversione dei contratti, decontribuzione su nuove assunzioni, divieto di licenziamento, accesso alla pensione: cosa cambia per aziende e dipendenti.

Tante le novità introdotte per il 2021 sul fronte del lavoro e delle pensioni. Alcune sono legate ai decreti approvati per far fronte alle difficoltà generate dalla pandemia di Covid, come il divieto di licenziamento. Altre sono delle misure contenute nella legge di Bilancio, come ad esempio le assunzioni agevolate di giovani e donne. Vediamo che cosa cambia e cambierà nel corso dell’anno.

Divieto di licenziamento

Scade il 31 marzo 2021 il divieto di licenziamento per giustificato motivo oggettivo, cioè per ragioni economiche, a livello sia individuale sia collettivo.

Fissato sempre al 31 marzo 2021 il termine entro il quale è possibile stipulare degli accordi sindacali per gli esodi incentivati, vale a dire per risolvere un rapporto di lavoro su base volontaria, avendo comunque diritto alla Naspi.

Assunzioni agevolate

Decontribuzione al 100% per 3 anni e fino a 6.000 euro l’anno per le aziende che assumono lavoratori under 36 a tempo indeterminato nel 2021 e nel 2022. L’agevolazione è valida anche per le trasformazioni dei contratti a termine in rapporti a tempo indeterminato.

Decontribuzione al 100%, sempre fino a 6.000 euro l’anno, per le aziende che assumono donne disoccupate nel 2021 e nel 2022. In questo caso, però, l’agevolazione dura 12 mesi per i contratti a termine e 18 mesi per quelli a tempo indeterminato.

Decontribuzione al 100%, fino a 6.000 euro e per 4 anni, per le aziende che assumono nel 2021 e nel 2022 lavoratori under 36 a tempo indeterminato in una sede o unità produttiva in Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia, Sardegna o Sicilia. Agevolate anche le trasformazioni dei contratti a termine in rapporti a tempo indeterminato.

Tutti questi benefici richiedono l’autorizzazione della Commissione europea.

Prevista, inoltre, fino al 2029 la decontribuzione a favore delle aziende private per i rapporti di lavoro subordinato nelle Regioni sopra citate. Il beneficio attuale resterà del 30% fino al 2025, poi diminuirà al 20% e, infine, al 10%.

Cassa integrazione Covid

Prorogata di 12 settimane la cassa integrazione Covid da utilizzare fino al 31 marzo 2021. I lavoratori del settore agricolo possono accedere alla cassa integrazione Covid fino al 30 giugno 2021.

La cassa in deroga e l’assegno ordinario del Fis (Fondo di integrazione salariale) possono essere erogati fino al 31 giugno 2021.

Prevista la proroga di 8 settimane della decontribuzione per le aziende che non utilizzano la cassa integrazione Covid, purché venga utilizzata fino al 31 marzo 2021.

Prorogata anche la cassa integrazione straordinaria per le aziende dei settori con rilevanza economica strategica anche a livello regionale che abbiano terminato il periodo abituale dell’integrazione salariale.

Contratti a tempo determinato

Possibilità di proroga o rinnovo dei contratti a termine per una sola volta e per un massimo di 1 anno fino al 31 marzo 2021.

Call center

Prorogata fino al 31 dicembre 2021 l’indennità per i lavoratori dei call center che non possono fruire della cassa integrazione straordinaria, con più di 50 addetti nel semestre che precede la richiesta.

Lavoratori fragili

Prevista fino al 28 febbraio 2021 la tutela del ricovero ospedaliero per i lavoratori fragili che non possono svolgere la loro attività in smart working.

Cuneo fiscale

Confermata l’ulteriore detrazione che spetta per i redditi da lavoro dipendente tra 28mila e 40mila euro annui.

Opzione donna

Confermato l’accesso alla pensione tramite Opzione donna per le lavoratrici che maturano i requisiti contributivi ed anagrafici entro il 31 dicembre 2020, ovvero:

  • 58 anni di età e 35 di contributi per le lavoratrici dipendenti;
  • 59 anni di età e 35 di contributi per le lavoratrici iscritte alle gestioni autonome.

Rimangono, rispettivamente, le finestre di 12 e di 18 mesi e la conversione al metodo contributivo.

Ape sociale

Confermato per il 2021 l’accesso all’Ape sociale per andare in pensione se si è in difficoltà economica e se è stata raggiunta l’età anagrafica di 63 anni e l’età contributiva tra 28 e 36 anni nelle gestioni Inps.

L’importo massimo dell’assegno è di 1.500 euro fino al raggiungimento dell’età prevista per la pensione di vecchiaia.

È possibile presentare la domanda entro il 30 novembre 2021.

Contratto di espansione

Possono fruire del contratto di espansione per i lavoratori a cui mancano 5 anni per arrivare alla pensione anticipata o di vecchiaia le aziende con oltre 250 addetti. Le imprese con più di 1.000 dipendenti devono, però, garantire un’assunzione per ogni tre uscite.

Il contratto di espansione viene prorogato fino al 31 dicembre 2021.

Assegno di ricollocazione

Viene riconosciuto per il 2021 l’assegno di ricollocazione anche ai lavoratori disoccupati che percepiscono la Naspi.

Part-time verticale

I lavoratori che hanno un contratto a part-time verticale possono calcolare le settimane non lavorate ai fini del diritto alla pensione, facendo un rapporto proporzionale del totale della contribuzione annua e il minimale contributivo settimanale.

Nel caso il rapporto si sia concluso, è possibile chiedere quest’agevolazione retroattiva.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube