Terrorismo: le paure del fuggitivo al complice tunisino ‘fratello Nouri, sono in pensiero…’

4 Gennaio 2021
Terrorismo: le paure del fuggitivo al complice tunisino ‘fratello Nouri, sono in pensiero…’

Palermo, 4 gen. (Adnkronos) – “Fratello Nouri, io sono pensieroso, veramente non posso restare in un posto troppo a lungo, devo cambiare…”. E’ il 28 ottobre scorso e Nouri Ejjed, il tunisino fermato oggi dalla Gfd di Agrigento su richiesta dalla Dda di Palermo, rassicura il suo amico, Abidi Aymen, ricercato dalla Polizia internazionale, dopo averlo trasferito dall’abitazione di Paceco (Trapani) nel più sicuro rifugio di contrada San Teodoro di Marsala (Trapani), “perché allertato dal figlio adottivo Ala Barg della presenza in zona, il giorno precedente, di autovetture sospette, verosimilmente riconducibili a Forze di polizia”, dicono i magistrati nel provvedimento di fermo visionato dall’Adnkronos.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube