Diritto e Fisco | Articoli

Come riconoscere il figlio naturale

11 Aprile 2021 | Autore:
Come riconoscere il figlio naturale

I genitori possono attribuirsi la paternità o la maternità del figlio nato fuori dal matrimonio, facendo un’apposita dichiarazione.

Con l’entrata in vigore della legge che ha riformato l’istituto del riconoscimento dei figli naturali [1] è stata superata ogni ineguaglianza normativa prima esistente tra figli naturali e figli legittimi. L’equiparazione totale dello stato giuridico di tutti i figli ha comportato che non esiste più alcuna distinzione tra figli nati fuori dal matrimonio e figli nati in costanza di matrimonio.

Tuttavia, mentre per questi ultimi non ha senso parlare di riconoscimento in quanto acquistano lo status di figli automaticamente in presenza delle condizioni previste dalla legge, assume rilievo, invece, per i figli nati da persone non unite in matrimonio tra loro.

Cos’è il riconoscimento e come riconoscere il figlio naturale? Il riconoscimento è l’atto con il quale uno o entrambi i genitori si attribuiscono la paternità o la maternità di una data persona, creando un rapporto giuridico. La dichiarazione di riconoscimento può essere effettuata sia congiuntamente sia separatamente [2], in qualsiasi momento successivo alla nascita davanti ad un ufficiale di stato civile, per testamento o per atto pubblico. Per effettuare il riconoscimento, i genitori devono avere compiuto i 16 anni di età, tranne nel caso in cui il giudice li abbia a ciò autorizzati in considerazione delle circostanze del caso concreto e nell’interesse del figlio [3].

Qual è il procedimento per riconoscere il figlio naturale

Il riconoscimento del figlio naturale può essere formalizzato:

  • nell’atto di nascita;
  • in un’apposita dichiarazione, posteriore alla nascita o al concepimento, davanti all’ufficiale di stato civile;
  • in un atto pubblico;
  • in un testamento, qualunque sia la forma di questo.

Se il riconoscimento è contenuto in un testamento, produce i suoi effetti solo dal giorno in cui è morto il testatore.

Una volta effettuato, il riconoscimento non può più essere revocato neanche tramite testamento.

Come avviene l’attribuzione del cognome

Il figlio nato fuori dal matrimonio acquisisce il cognome del genitore che lo ha riconosciuto per primo o quello del padre, se il riconoscimento è avvenuto congiuntamente [4]. Se il padre riconosce il figlio in un momento successivo a quello della madre il figlio può assumere il cognome paterno aggiungendolo o sostituendolo a quello della madre [5].

Se al figlio era già stato attribuito un cognome da parte dell’ufficiale di stato civile, questi può mantenere tale cognome, aggiungendolo, anteponendolo o sostituendolo al cognome del genitore che per primo lo ha riconosciuto o a quello di entrambi se lo hanno riconosciuto contemporaneamente [6].

Per il figlio minore di età, il cognome del genitore da attribuirgli è stabilito dal giudice, previo ascolto del figlio minore che abbia compiuto i 12 anni di età e anche di età inferiore ove capace di discernimento [7].

Riconoscimento del figlio naturale: come assume efficacia

Per assumere efficacia giuridica il riconoscimento di un figlio naturale deve avvenire rispettando determinate condizioni. Pertanto, se il minore da riconoscere è di età inferiore a 14 anni, al riconoscimento deve prestare consenso il genitore che per primo ha riconosciuto il figlio. Peraltro, questi non può rifiutare il consenso al riconoscimento dell’altro genitore, se risponde all’interesse del figlio [8]. In caso contrario, il genitore può rivolgersi al giudice competente, che assegna un termine entro il quale deve notificare il ricorso all’altro genitore.

Qualora non venga proposta opposizione entro 30 giorni dalla notifica, il giudice pronuncia una sentenza nella quale tiene luogo della mancanza di consenso. Se viene proposta impugnazione il giudice assume i provvedimenti necessari per instaurare la relazione, dopo avere sentito il minore se ha già compiuto i 12 anni o anche di età inferiore, se capace di discernimento.

Se il figlio da riconoscere ha già compiuto i 14 anni di età deve prestare il proprio consenso al riconoscimento.

Quali effetti conseguono al riconoscimento del figlio naturale

Il riconoscimento del figlio naturale comporta da parte del genitore l’assunzione di tutti i doveri e i diritti che ha nei confronti del figlio nato in costanza di matrimonio. Inoltre, comporta l’assunzione della responsabilità genitoriale. Se il riconoscimento è stato fatto dal padre e dalla madre e questi sono conviventi, l’esercizio della responsabilità genitoriale spetta ad entrambi. Viceversa, spetta al genitore con il quale il figlio convive o se non convive con nessuno dei due, al primo che lo ha riconosciuto.

A chi viene affidato il figlio riconosciuto

Spetta al giudice decidere in ordine all’affidamento del figlio naturale riconosciuto da una persona coniugata. In tal caso, il giudice può disporne l’eventuale inserimento nella famiglia legittima di uno dei genitori ma solo se ciò non sia contrario all’interesse del minore e sia accertato il consenso dell’altro coniuge e dei figli legittimi, che abbiano compiuto i 16 anni di età e siano conviventi, nonché dell’altro genitore che abbia effettuato il riconoscimento. Il giudice, quindi, stabilisce le condizioni alle quali ciascun genitore deve attenersi [9].

Se il figlio viene riconosciuto prima del matrimonio, può essere inserito nella famiglia legittima previo consenso dell’altro coniuge, a meno che il figlio fosse già convivente con il genitore all’atto del matrimonio o l’altro coniuge fosse a conoscenza della sua esistenza [10].

In quali casi si può impugnare il riconoscimento del figlio naturale

L’impugnazione del riconoscimento del figlio naturale può avvenire per:

  • difetto di veridicità, quando il riconoscimento non corrisponde al vero perché l’autore è incorso in errore oppure ha volutamente riconosciuto un figlio che non è suo. In tal caso, perché il riconoscimento perda efficacia, bisogna dimostrare che vi sia contrasto tra quanto documentato nell’atto di nascita e il rapporto di filiazione;
  • violenza all’autore del riconoscimento, quando questi è stato costretto con violenza, anche se il riconoscimento risponde a verità;
  • incapacità derivante da interdizione giudiziale, quando l’autore del riconoscimento è un maggiore di età o un minore emancipato, interdetto giudizialmente, perché si trova in condizioni di abituale infermità mentale che lo rendono incapace di provvedere ai propri interessi [11].

note

[1] L. n. 219/2012.

[2] Art. 250 co. 1 cod. civ.

[3] Art. 250 co. 5 cod. civ.

[4] Art. 262 co. 1 cod. civ.

[5] Art. 262 co. 2 cod. civ.

[6] Art. 262 co. 3 cod. civ.

[7] Art. 262 co. 4 cod. civ.

[8] Art. 250 co. 2 cod. civ.

[9] Art. 252 co. 2 cod. civ.

[10] Art. 252 co. 3 cod. civ.

[11] Art. 414 cod. civ.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube