Diritto e Fisco | Articoli

Il conto cointestato marito-moglie non significa donazione della metà del denaro

16 Gennaio 2014
Il conto cointestato marito-moglie non significa donazione della metà del denaro

Il fatto che vi sia la doppia firma sul conto ove il marito deposita i propri risparmi non implica che questi abbia anche voluto donare il 50% della provvista.

Il fatto che il marito cointesti alla moglie il conto corrente dove egli versa i propri guadagni non vuol dire che abbia anche voluto donarle metà delle somme depositate. Infatti, il solo fatto di aver disposto la doppia firma non implica, di per sé, una donazione.

A dirlo è una sentenza della Cassazione di stamattina [1].

In casi come questo, quando la provvista è costituita solo da redditi di lavoro di uno dei due coniugi, la doppia firma viene concessa solo per consentire all’altro di partecipare alla gestione del risparmio e di effettuare le operazioni allo sportello della banca, ma non certo anche con l’intenzione di donargli la metà dei risparmi.

Secondo la Suprema Corte, è vero che, nel momento in cui un conto corrente viene cointestato, esso si presume in comproprietà dei cointestatari, ma tale presunzione non è assoluta: nel senso che l’interessato (colui, cioè, che rivendica la titolarità delle somme) può sempre dimostrare il contrario (cosiddetto “inversione dell’onere della prova”). Tale prova può essere fornita attraverso delle semplici presunzioni [2].

Nel caso della vicenda esaminata dalla Cassazione, l’uomo era riuscito a dimostrare di aver concesso la doppia firma sul conto solo per dare alla moglie la possibilità di spendere il denaro guadagnato da lui.

Insomma: solo la doppia firma sul conto è troppo poco per presumere la donazione indiretta del denaro.


note

[1] Cass. sent. n. 809/14 del 16.01.14.

[2] Purché gravi, precise e concordanti.

Autore immagine: 123rf.com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

2 Commenti

  1. HO UNA DOMANDA DA FARE ,IO HO UN CONTO COINTESTATO CON MIO PADRE CHE E’ DECEDUTO A NOVEMBRE 2013,LA BANCA NON MI FA CHIUDERE IL CONTO PERCHE’ CI SONO ALTRI EREDI DI CUI 2 FIGLI SONO DISABILI E INTERDETTI SIAMO IN 6 IN TUTTO E IL RESIDUO DEL CONTO SONO 119,00 EURO COME POSSIAMO FARE PER CHIUDERLO ?GRAZIE

    1. La ringraziamo per la Sua mail.

      L’enorme numero di consulenze che riceviamo ogni giorno ci ha obbligato ad attivare uno speciale servizio di richiesta, tramite “ticket”, onde poter dare un riscontro a tutti, professionale ed in tempi certi.

      Per acquistare il “ticket” online è necessario collegarsi al portale https://www.laleggepertutti.it. Sul menu di sinistra troverà, sotto la voce rossa “servizi”, l’opzione “Richiedi consulenza”.
      Lo stesso risultato si può raggiungere cliccando sulla scritta, posta sopra ogni articolo, “Richiedi consulenza su questo argomento”.

      A quel punto, il sistema La guiderà nel pagamento attraverso carta di credito, Paypal o Postepay.

      Si tratta di un’operazione molto semplice e dal modico prezzo (euro 29,00 iva compresa) che ci consente di rispondere alle svariate domande che ci arrivano da tutta Italia.

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube