Mafia: memoriale Mori e De Donno, ‘infondata l’informazione di Report, ecco perché’

11 Gennaio 2021
Mafia: memoriale Mori e De Donno, ‘infondata l’informazione di Report, ecco perché’

Palermo, 11 gen. (Adnkronos) – “Con la presente memoria ci si permette di evidenziare l’infondatezza e l’incompletezza informativa di alcuni dei temi trattati nella trasmissione di Report del 4 gennaio 2021 connessi alle condotte contestate ai nostri assistiti, ritenendo che l’invito rivolto a consultare almeno le due sentenze passate in giudicato (Mori Obinu e Mannino) – purtroppo non accolto -avrebbe consentito al servizio pubblico di informare più adeguatamente i telespettatori”. Inizia così la memoria lunga 23 pagine inviata dai legali del generale Mario Mori e del colonnello Giuseppe De Donno al Capo dello Stato Sergio Mattarella ma anche al vicepresidente del Csm, David Ermini, al Presidente dell’Antimafia Nicola Morra. Gli avvocati Basilio Milio e Francesco Romito chiedono “l’esercizio dei previsti poteri di controllo e vigilanza a tutela dei principi di rango costituzionale, che soprattutto chi gestisce il servizio pubblico radiotelevisivo deve sempre rispettare e garantire”.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube