Cronaca | News

Brexit: così si può andare a studiare a Londra

12 Gennaio 2021
Brexit: così si può andare a studiare a Londra

Andare a formarsi in Gran Bretagna è ancora possibile, ma completamente a spese proprie e con un visto obbligatorio.

Niente più Erasmus a Londra. Le lunghe trattative sulla Brexit, andate finalmente in porto, hanno avuto tra le varie conseguenze anche questa: l’Unione europea non finanzierà più i viaggi studio in Gran Bretagna, che non fa più parte né dell’Europa, né del programma di formazione universitaria che porta il nome di Erasmo da Rotterdam.

Non vuol dire fine delle opportunità di crescita nella City. Sicuramente, però, non sarà un’occasione per tutti. Costerà infatti molto di più mantenersi in una città oltretutto cara come Londra, perché gli studenti universitari non potranno più fare affidamento sulle borse di studio Erasmus.

Gli europei, finora, pagavano la stessa somma di un inglese per iscriversi in un’università britannica, cioè diecimila sterline l’anno. Ora, si stima che i prezzi lieviteranno a trentamila sterline l’anno dal primo gennaio 2021, per l’effetto dell’aumento delle rette, equiparate a quelle degli studenti extraeuropei.

Bisognerà avere obbligatoriamente un visto di ingresso, la cui durata andrà dai due ai cinque anni. Il costo supera le 340 sterline (380 euro). Insomma: formazione molto più cara per gli aspiranti studenti in Inghilterra, rispetto ai viaggi-studio relativamente low cost che l’Erasmus ha permesso finora.

La Gran Bretagna ha annunciato il suo piano alternativo di finanziamenti delle vacanze-studio: il programma di scambio Alan Turing. Al momento, però, non è ancora dato sapere a quanto ammontano le risorse disponibili.

Naturalmente, chi aveva già fatto domanda per l’Erasmus e ottenuto la borsa, prima del primo gennaio 2021, rimane coperto. Nessun incremento delle spese neanche per chi si trova già in Inghilterra a studiare. Il problema si pone per chi vorrebbe partire da adesso in poi.

Un discorso a parte va fatto, invece, per i giovani ad alta qualificazione. La Gran Bretagna, infatti, continua a rientrare nel programma Horizon Europe: 95 miliardi e mezzo di euro per finanziare viaggi a scopo di ricerca tra il 2021 e il 2027. Rinunciare alle borse di studio per la ricerca Erc Grants sarebbe significato rinunciare ad attrarre talenti, dunque per loro c’è un po’ di apertura in più.

C’è da scommettere comunque in una flessione degli arrivi sull’isola. Se finora erano circa trentaduemila i ragazzi che, ogni anno, da tutta Europa, approdavano in Gb per motivi di studio, adesso certamente saranno molti meno.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube