Cronaca | News

Covid: il nuovo Dpcm presentato da Speranza

13 Gennaio 2021 | Autore:
Covid: il nuovo Dpcm presentato da Speranza

Stato di emergenza fino al 30 aprile, valide tutte le misure in vigore finora. Stop all’asporto dai bar dalle 18. Sì alla zona bianca, per ora irraggiungibile.

Proroga dello stato di emergenza e conferma delle attuali misure anti-Covid, con alcune norme ancora più stringenti. Tutto come previsto nelle comunicazioni di Roberto Speranza alla Camera. Il ministro della Salute ha illustrato, schematicamente, il contenuto del nuovo Dpcm che entrerà in vigore il 16 gennaio. Il tutto dovrebbe essere approvato domani dal Consiglio dei ministri.

In primis, Speranza ha annunciato l’intenzione del Governo di prorogare al 30 aprile lo stato di emergenza che scade il 31 gennaio. Dopodiché, ha illustrato i punti principali del Dpcm.

Restano confermate tutte le misure attualmente in vigore e la classificazione dell’Italia in tre zone di rischio, ovvero zona rossa per le Regioni a rischio maggiore, zona arancione per il rischio alto e zona gialla per i territori a basso rischio. Viene introdotta una zona bianca senza restrizioni ma con l’obbligo di utilizzo della mascherina e di mantenere le distanze interpersonali di sicurezza. Zona che, però – ha avvertito il ministro – nessuna Regione è in grado di raggiungere attualmente, visto l’andamento della pandemia: per rientrare in questa fascia, infatti, bisognerà registrare un indice Rt inferiore a 1, una casistica di non più di 50 positivi ogni 100mila abitanti ed una situazione di rischio molto basso.

Viene mantenuto il coprifuoco dalle 22 alle 5, ma alle 18 scatterà il divieto di asporto dai bar. Sarà vietato anche sostare davanti ai locali pubblici per evitare assembramenti.

Resta il limite imposto a Natale per andare a trovare amici o parenti: soltanto due persone, semmai accompagnate dai figli under 14.

Identiche le misure che riguardano la mobilità ed il divieto di spostamento tra le Regioni. Si aggiunge, però, il divieto di sconfinare anche tra Regioni gialle.

Unica nota positiva, la riapertura dei musei nelle zone gialle, sempre con obbligo di mascherina e distanziamento.

Misure che, secondo Speranza, si rendono necessarie in un contesto che mostra «un peggioramento generale» ed una «nuova fase espansiva dell’epidemia». Il ministro ha confermato quanto sostenuto dal cancelliere tedesco Angela Merkel: «Ci aspettano i mesi più duri».

Speranza ha chiesto, infine, di «tenere la salute degli italiani fuori dalla battaglia politica».



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

7 Commenti

  1. Ma di che diavolo parlano se la zona bianca è quasi un’utopia in questo periodo? Non ha senso discuterne se la situazione è pessima e ancora stanno valutando quali dovranno ritornare rosse e quali potranno rimanere arancioni e se qualcuno se la scampa al massimo è zona gialla

  2. Era inevitabile che lo stato di emergenza sarebbe stato protratto almeno per altri 4 mesi. Non possiamo abbassare l’attenzione e farci cogliere impreparati alla possibilità di questa terza ondata, anche se la seconda non è mica finita

  3. I patiti del fitness gioiranno nel leggere della possibile riapertura delle palestre, anche se chi vuole si allena a casa o all’aperto senza fare troppe questioni inutili. In questi mesi, ho letto post di fissati che facevano tante parole e poi si gonfiavano con integratori e altre porcherie invece di allenarsi senza i cosiddetto “aiutini”

  4. Il decreto conferma, fino al 15 febbraio 2021, il divieto già in
    vigore di ogni spostamento tra Regioni o Province autonome diverse, con l’eccezione di quelli motivati da comprovate esigenze lavorative, situazioni di necessità o motivi di salute. È comunque consentito il rientro alla propria residenza, domicilio o abitazione.

  5. Dal 16 gennaio 2021 e fino al 5 marzo 2021 è consentito, una sola volta al giorno, spostarsi verso un’altra abitazione privata abitata, tra le 5.00 e le ore 22.00, a un massimo di due persone ulteriori a quelle già conviventi nell’abitazione di destinazione. La persona o le due persone che si spostano potranno comunque portare con sé i figli minori di 14 anni (o altri minori di 14 anni sui quali le stesse persone esercitino la potestà genitoriale) e le persone disabili o non autosufficienti che con loro convivono. E’ ufficiale è stata istituita la cosiddetta area ”bianca'”!

  6. Tranquilli Peppino e company ci terranno con queste proroghe ancora per molti anni,perchè dico questo?
    Perchè faranno di tutto per portare in italia il modello di dittatura come la Cina che loro amano tanto, fino al punto di affondare l’Italia e gli italiani.

  7. Tranquilli Peppino e company ci terranno con queste proroghe ancora per molti anni,perchè dico questo?
    Perchè faranno di tutto per portare in italia il modello di dittatura come la Cina che loro amano tanto, fino al punto di affondare l’Italia e gli italiani.

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube