Diritto e Fisco | Articoli

Mansioni superiori: anche al dipendente pubblico spetta la differenza di retribuzione

19 Gennaio 2014
Mansioni superiori: anche al dipendente pubblico spetta la differenza di retribuzione

Al pubblico dipendente che abbia di fatto svolto mansioni superiori spetta il relativo trattamento retributivo, sempre che tali mansioni siano state svolte, qualitativamente e quantitativamente, nella loro pienezza e siano stati esercitati i poteri e assunte le responsabilità correlate alle mansioni superiori.

Non solo nel rapporto di lavoro privato, ma anche nel pubblico impiego privatizzato, il dipendente adibito a mansioni superiori rispetto a quelle indicate nel contratto ha diritto a rivendicare, nei confronti del datore di lavoro, una retribuzione superiore.

È quanto sottolineato dalla Cassazione qualche giorno fa [1].

La condizione è, ovviamente, che le mansioni superiori assegnate siano state svolte nella loro pienezza e che il lavoratore abbia esercitato i poteri e assunto le responsabilità correlate a dette superiori mansioni.

Così, per esempio, un dipendente dell’Asl con qualifica di infermiere generico potrebbe agire onde ottenere le differenze retributive per aver di fatto svolto mansioni superiori di infermiere professionale.

Nel rapporto di lavoro pubblico, la legge [3] prevede che l’assegnazione del lavoratore alle mansioni superiori (al di fuori di alcuni casi espressamente previsti dalla norma) è nulla, ma al lavoratore è comunque riconosciuta la differenza di trattamento retributivo tra le due qualifiche.


 

La Suprema Corte ha sottolineato il diritto di ogni lavoratore a vedersi riconosciuta una retribuzione proporzionata e sufficiente, così come imposto dalla Costituzione [4]. E ciò vale anche nel rapporto di lavoro pubblico, anche a prescindere dalla presenza o meno di un provvedimento formale di assegnazione del dipendente alle diverse superiori mansioni.

L’unica ipotesi in cui potrebbe essere compresso il diritto alla retribuzione superiore si ha nei casi di mansioni superiori effettuate all’insaputa dell’ente o con la fraudolenta collusione tra dipendente e dirigente.


note

[1] D. lgs. n. 29/1993 e ora D. lgs. n. 165/2001.

[2] Cass. sent. n. 796/14 del 16.01.2014. Cfr. anche Cass. S.U. sent. n. 27887/09 e Cass. S.U. sent. n. 25837/2007.

[3] Art. 52 del D. Lgs. 30 marzo 2001, n. 165.

[4] Art. 36 Cost.

Autore immagine: 123rf.com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube