Diritto e Fisco | Articoli

Cercare affitto sul web: come evitare le truffe

24 Aprile 2021 | Autore:
Cercare affitto sul web: come evitare le truffe

Prezzo, pagamenti, posizione, condizioni dell’appartamento, foto, appuntamenti in loco sempre negati: i consigli per trovare casa su Internet senza sorprese.

Chi ha bisogno di prendere una casa in locazione in tempi piuttosto brevi le prova tutte: dagli annunci delle agenzie immobiliari a quelli che trova su Internet. Quando ci si rivolge fisicamente ad un professionista, di solito si è più tranquilli perché si ha di fronte un interlocutore con cui parlare a quattr’occhi e dal quale farsi consigliare sulla zona, il prezzo, le caratteristiche dell’immobile, ecc. Quando, invece, si naviga sulla Rete alla ricerca di un appartamento, si può sicuramente incontrare la persona seria ma anche quella che non si fa molti scrupoli a far passare una topaia o poco più per un luogo confortevole. La sorpresa arriva quando si va oltre all’apparenza e si scopre che non tutto è com’era stato presentato.

Quindi, quando ci si mette a cercare affitto sul web, come evitare le truffe? Recentemente, ci ha pensato l’Unione nazionale consumatori a stilare una sorta di vademecum sulla base dei pericoli più frequenti che assillano gli aspiranti inquilini, tra impianti malfunzionanti, prezzi abbassati a dismisura pur di «sbolognare» a qualcuno una stanza, un bagno e una cucina in cui, sicuramente, l’Asl non entra da un pezzo, e chissà quant’altro ancora. Per non parlare dell’impressione che danno certe foto dell’appartamento messo in locazione, davvero invitanti ma vagamente somiglianti a quel che ci si trova davanti quando si gira la maniglia della porta d’ingresso. Ecco, allora, qualche consiglio utile su come evitare le truffe nel cercare affitto sul web.

Affitto sul web: attenzione al prezzo

Il primo indizio da indurre a prestare attenzione quando si cerca una casa in affitto sul web è il prezzo: se è troppo basso rispetto alla media, alla grandezza e alle condizioni dell’appartamento e alla zona in cui si trova, allora è meglio tornare indietro con la pagina Internet e cercare altrove.

L’Unione consumatori propone questo metro di giudizio: se il prezzo proposto è inferiore del 30% rispetto a quelli proposti sul mercato, allora c’è qualcosa che non quadra. Anche se va detto che sempre più truffatori, proprio per non destare alcun sospetto, lanciano l’amo sul web utilizzando prezzi più allineati a quelli di mercato.

Affitto sul web: attenzione alle foto

Attenzione anche alle foto, spesso scattate con il grandangolo per far sembrare i locali più ampi, appena puliti e dotati di un arredamento che, in realtà, l’inquilino che ha cercato la casa in affitto sul web non troverà mai, o non troverà in quello stato.

Capita anche di vedere su qualche annuncio su Internet o sui social delle immagini false, rubate da altri siti di annunci immobiliari e che non hanno nulla a che vedere con l’appartamento che viene proposto.

Per essere sicuri di non trovarsi di fronte a una foto falsa, basta trascinarla in un motore di ricerca e vedere se è già stata utilizzata per altri annunci. Un altro modo semplice per verificare l’autenticità di una foto di un appartamento è chiederne altre all’inserzionista. Se si rifiuta di mandarle, allora significa che l’annuncio è fraudolento.

Affitto sul web: attenzione alla posizione

Chissà perché ci sono degli annunci di case in affitto sul web che parlano di appartamenti «centralissimi» oppure «a due passi dal centro» e poi, quando li si vede dal vivo, si scopre che non sono proprio comodissimi, anzi: se non si ha la macchina o non c’è vicino una fermata del bus, vien voglia di uscire di casa il meno possibile.

Verificare l’esatta posizione di una casa è ormai diventato semplicissimo: basta infatti usare i programmi Streetview o aprire Google Maps per avere un riscontro immediato sul punto esatto in cui si trova la casa. O, in alternativa, recarsi fisicamente all’indirizzo indicato.

Affitto sul web: attenzione alla ricerca

Per condurre una ricerca il più possibile sicura, è consigliabile limitarsi ai siti di annunci più affidabili e specializzati. Spesso, però, questo accorgimento può non essere sufficiente. Cliccando su un annuncio pubblicato su una piattaforma ufficiale, l’utente può infatti essere deviato verso un altro sito web, dalle sembianze simili all’originale, per effettuare il pagamento.

Per evitare di incappare in raggiri di questo tipo, è bene accertarsi che il sito in cui si sta navigando abbia un’area in cui sono visibili voti e commenti sulla sua affidabilità. Se quest’area non compare, allora è meglio diffidare.

Affitto sul web: attenzione ai contatti

Se un annuncio immobiliare appare particolarmente allettante, è fondamentale ottenere un numero di telefono al quale poter chiamare l’inserzionista. Fidarsi solo ed esclusivamente di scambi di comunicazioni via e-mail, o tramite le chat del sito su cui si sta consultando l’annuncio, non può essere sufficiente per fidarsi ciecamente della persona con cui si è in trattativa.

Se invece ottenere un numero di telefono diventa complicato, magari per via del fatto che l’inserzionista in quel momento si trova all’estero, allora è meglio cambiare annuncio.

Affitto sul web: attenzione al mancato appuntamento

Altro campanello d’allarme deve suonare immediatamente quando l’inserzionista cerca di evitare di concordare un appuntamento per vedere di persona l’appartamento a cui si è interessati. Se la persona con cui stai trattando dice che non può incontrarti, allora è molto probabile che stia tentando di truffarti.

Una volta visto l’immobile, sfrutta l’occasione dell’incontro con l’inserzionista per ottenere il maggior numero di informazioni sull’appartamento: sulla classe energetica, ad esempio, oppure se su di essa pendono ipoteche, cartelle esattoriali o altri vizi. In quest’ultimo caso, può essere utile chiedere di fare una visura catastale.

Affitto sul web: attenzione al pagamento

Ultimo ma non ultimo consiglio quando si cerca casa in affitto sul web: attenzione al pagamento. Fino a quando non si è visto l’immobile con i propri occhi e non si è letto in modo accurato il contratto di affitto, non si devono assolutamente effettuare versamenti di alcuni tipo.

Nel caso in cui venisse richiesta una caparra come anticipo (cosa molto comune), è bene tutelarsi utilizzando un metodo di pagamento sicuro come PayPal. Vanno evitate, invece, ricariche di Postepay o tramite Western Union.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube