Cronaca | News

Nuovo Dpcm: si può prendere pizza e birra d’asporto la sera?

15 Gennaio 2021 | Autore:
Nuovo Dpcm: si può prendere pizza e birra d’asporto la sera?

I chiarimenti di Confesercenti sui limiti per bar, ristoranti o pizzerie contenuti nel decreto appena firmato da Conte.

Con il nuovo Dpcm appena firmato da Giuseppe Conte, che entra in vigore il 16 gennaio fino al 5 marzo, buona parte dell’Italia sarà in zona rossa o arancione. E tra le regole imposte in queste fasce, c’è la chiusura totale di bar, ristoranti, pizzerie, pub, gelaterie o pasticcerie. In zona gialla, inoltre, questi locali possono essere aperti fino alle 18, con obbligo di ospitare fino ad un massimo di 4 persone per tavolo. Nella fortunata – ma remota – ipotesi che qualcuno finisca in fascia bianca, non ci sarebbe alcuna restrizione.

In qualsiasi caso, è consentito l’asporto purché – tranne nella zona bianca – entro le 22, ora in cui scatta il coprifuoco fino alle 5 del mattino successivo, e la consegna a domicilio senza limiti d’orario.

Tuttavia, sull’asporto c’è ancora un po’ di confusione che è il caso di chiarire. Il testo, infatti, dice che dopo le 18 è vietato acquistare nei bar bevande da portare via.

Dunque, si può andare a prendere la pizza d’asporto la sera? La risposta è sì. Come chiarisce il presidente di Fiepet Confesercenti, Giancarlo Banchieri, «le restrizioni imposte dal Governo, per uno stop all’asporto, riguardano le bevande e gli alcolici e per le strutture che hanno il codice Ateco per vendere solo queste ultime. È bene far sapere ai consumatori – precisa Banchieri – che, se la norma è questa, potranno comunque venire a ritirare da asporto pizza o altro, con birra presso pizzerie e ristoranti. Altrimenti, si creano delle informazioni non corrette e anche quel poco che realizziamo con l’asporto va perso».



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube