Cronaca | News

Passaporto vaccinale: Europa verso il sì

15 Gennaio 2021
Passaporto vaccinale: Europa verso il sì

La presidente della Commissione Ue Ursula Von Der Leyen «accoglie con favore» l’ipotesi.

Ursula Von Der Leyen vede di buon occhio la possibilità di un passaporto vaccinale europeo, che certifichi che una persona ha ricevuto la somministrazione del siero anti-Covid e può viaggiare in sicurezza nell’area Schengen.

Lo ha dichiarato oggi, dopo che il premier greco Kyriakos Mitsotakis aveva avanzato la proposta a inizio settimana. «È un requisito medico avere un certificato che dimostri che sei stato vaccinato – ha detto Von Der Leyen nel corso di un’intervista alla stampa portoghese -. Pertanto, accolgo con favore l’iniziativa del primo ministro greco su un certificato di vaccinazione reciprocamente riconosciuto».

La presidente della Commissione europea la vede come una possibilità verso un ritorno a una vita quasi normale: il passaporto vaccinale consentirebbe alle persone di tornare a spostarsi nello spazio Schengen per lavoro e turismo, senza paura di contagiare o essere contagiati.

Il tema sarà affrontato, con tutta probabilità, il 18 gennaio, durante la videoconferenza dei ministri degli Esteri Ue. Un’altra finestra di discussione si aprirà il 21 gennaio, alla prossima seduta di Consiglio europeo.

Uno strumento che risolverebbe le questioni sanitarie poste dalla mobilità internazionale. Ma il problema non è solo di natura medica o relativo alla circolazione del virus: «È una questione politica e giuridica, che dovranno affrontare gli Stati membri a livello Ue», ha detto Dana Spinant, portavoce della Commissione Ue.

Al momento, dal punto di vista delle vaccinazioni, gli Stati europei procedono a velocità diverse (in nessun Paese è obbligatorio vaccinarsi). Tant’è che adottare un passaporto vaccinale, in questo momento, equivarrebbe a una vera e propria discriminazione nei confronti di quei Paesi che, ora come ora, sono più indietro.

Von Der Leyen si dice comunque in gran parte d’accordo, perché il passaporto vaccinale salverebbe i viaggi in Europa. «È una decisione politica e giuridica che dovrebbe essere discussa a livello europeo, ma penso che sia importante. Dobbiamo avere un requisito medico che dimostri che le persone sono state vaccinate».



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

1 Commento

  1. ATTENZIONE ALLE PAROLE !
    “SIERO” NON E’ SINONIMO DI “VACCINO” MA TUTT’ALTRA COSA. L’IPOTESI DEL PASSAPORTO SANITARIO E’ RIFERITO ALLA AVVENUTA VACCINAZUIONE NEI CONFRONTI DEL COVID19

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube