HOME Articoli

Lo sai che? Multa nulla se la firma dei vigili è solo scannerizzata

Lo sai che? Pubblicato il 21 gennaio 2014

Articolo di




> Lo sai che? Pubblicato il 21 gennaio 2014

Se la multa riporta la firma del comandante dei vigili urbani riprodotta solo in copia e in formato meccanografico è nulla: la sottoscrizione deve essere autentica anche attraverso il digitale, ma servono una chiave privata e una pubblica.

Se nella multa che vi è stata notificata la firma del Comandante della polizia è solo scannerizzata dal computer la contravvenzione è nulla! Almeno questa è l’opinione del giudice di pace di Lecce [1] che rimette in discussione una marea di verbali inviati agli automobilisti.

In tali casi, si legge nella sentenza in commento, il verbale deve ritenersi come se non fosse mai venuto a esistenza in quanto privo di una sottoscrizione autentica.

Se il verbale viene notificato mediante la copia meccanografica, ed anche la firma del numero due dei vigili urbani risulta soltanto riprodotta a stampa, la polizia sta violando il codice della strada [2]. Secondo infatti il parere del magistrato, il sistema di contestazione dell’infrazione prevede l’invio di uno degli originali del verbale redatto dagli organi accertatori oppure di una copia autenticata, dalla quale deve comunque risultare la sottoscrizione dell’agente verbalizzante (anche se meramente riprodotta nella copia medesima).

Insomma: l’amministrazione si salva soltanto con la firma digitale, che non può essere quella “digitalizzata” a stampa o a timbro (fatta, cioè, con lo scanner). La prima prevede infatti qualcosa in più: l’inserimento nel verbale di una chiave pubblica e di una chiave privata con separata evidenza informativa.

La questione sollevata dal giudice di pace pugliese apre una questione di proporzioni nazionali. Sembra infatti che molte amministrazioni locali non rispettino la suddetta previsione. E dunque, se il precedente dovesse essere condiviso anche da altri tribunali, si profilerebbero una marea di ricorsi, per quanto resi di recente antieconomici dagli ultimi rincari sui costi della giustizia.

note

[1] G.d.P. Lecce, sent. n. 4897/13: magistrato onorario Silvano Trane.

[2] Art. 385, comma 4, del regolamento di attuazione del codice della strada.

Autore immagine: 123rf.com


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:
Informativa sulla privacy

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI