Diritto e Fisco | Articoli

Cosa succede se passa il medico fiscale?

30 Aprile 2021 | Autore:
Cosa succede se passa il medico fiscale?

Visita medica dell’Inps: come si svolge, quali sono le conseguenze dell’accertamento sanitario, problemi in caso di assenza.

Il lavoratore assente per malattia è obbligato ad essere disponibile presso il proprio domicilio in determinati orari, per essere sottoposto ad un controllo da parte di un medico incaricato dall’Inps: il controllo medico è detto visita fiscale.

Ma cosa succede se passa il medico fiscale? Se il medico passa e trova il lavoratore presso il domicilio indicato nella certificazione medica telematica, o dal datore di lavoro, procede all’effettuazione della visita. L’esito dell’accertamento sanitario può confermare la prognosi fornita dal medico curante del lavoratore oppure modificarla, assegnando un maggiore o minor numero di giornate di malattia.

La decisione del medico fiscale può comunque essere contestata dal dipendente: il medico incaricato dall’Inps, difatti, non ha una maggiore autorità rispetto al medico curante o al differente medico che ha redatto la certificazione telematica.

Se il medico passa e non trova il lavoratore presso il domicilio indicato, le conseguenze per il dipendente possono essere piuttosto serie, qualora l’assenza durante le fasce orarie di reperibilità non sia giustificata.

Procediamo con ordine e facciamo il punto sulla visita medica di controllo dell’Inps.

Quando passa il medico fiscale?

Il medico fiscale passa qualora richiesto dal datore di lavoro oppure d’ufficio dall’Inps. Nel dettaglio, il datore di lavoro può richiedere la visita medica di controllo all’Inps attraverso l’apposito servizio online.

Il medico, secondo quanto specificato dall’Inps nel manuale utente per le richieste della visita fiscale, può passare alla mattina se la richiesta del datore di lavoro arriva entro le ore 8:25, oppure al pomeriggio se la richiesta arriva entro le ore 11:59.

In quali orari passa il medico fiscale?

Il medico dell’Inps può passare soltanto nelle seguenti fasce orarie:

  • dalle 9 alle 13 e dalle 15 alle 18, se il lavoratore che deve essere sottoposto a visita è un dipendente pubblico;
  • dalle 10 alle 12 e dalle 17 alle 19 se il lavoratore è un dipendente del settore privato.

La visita fiscale può avvenire sia nei giorni lavorativi, che in quelli festivi, non lavorativi ed alla domenica. Per determinate categorie di lavoratori, è possibile che il medico fiscale passi anche più volte nell’arco dello stesso periodo di assenza per malattia e, addirittura, più volte nell’arco della stessa giornata.

Dove passa il medico fiscale?

Il medico incaricato dall’Inps passa presso il domicilio indicato dal lavoratore nel certificato telematico, inviato dal medico curante (o dalla guardia medica, o dal personale della struttura sanitaria, ad esempio in caso di ricovero in ospedale-visita al pronto soccorso). Il dipendente può cambiare l’indirizzo fornito utilizzando l’apposito servizio online di cambio reperibilità per la visita medica di controllo, all’interno del sito web dell’Inps.

Anche il datore di lavoro, nel modulo di richiesta della visita fiscale, deve fornire all’Inps l’indirizzo del lavoratore. Nel form, si chiede al datore di lavoro se l’indicazione del domicilio, qualora differente da quella fornita dal lavoratore, debba essere comunque considerata, ignorando le passate ed eventualmente le future comunicazioni da parte del dipendente.

È dunque necessario che il lavoratore, qualora effettui il cambio indirizzo, comunichi questa variazione anche al datore di lavoro.

Chi è esonerato dalla visita medica fiscale?

È bene sapere, in ogni caso, che non deve essere sottoposto a visita fiscale chi:

  • ha una malattia grave per la quale sono necessarie cure salvavita;
  • ha una malattia connessa all’invalidità riconosciuta, se questa è superiore al 67%;

Per i dipendenti pubblici, l’esonero vale anche in caso di malattia per la quale sia stata riconosciuta la causa di servizio, ma solo in casi specifici [1].

La visita fiscale Inps non è prevista in caso di infortunio sul lavoro e malattia professionale, in quanto ad effettuare gli accertamenti sanitari è l’Inail.

Che cosa succede quando passa il medico fiscale e non trova il lavoratore?

Se il medico fiscale si reca presso il domicilio indicato senza trovare il lavoratore, lascia un avviso, possibilmente a una persona presente in casa o al portiere, o a un vicino.

Nell’avviso, deve invitare il dipendente a recarsi a visita ambulatoriale il primo giorno lavorativo successivo (il datore di lavoro, nel form di richiesta della visita medica di controllo, può comunque indicare di non accettare il controllo ambulatoriale).

Se non trova nessuno, il medico può lasciare l’avviso nella cassetta delle lettere, ma poiché l’invito lasciato nella cassetta della posta non dà certezza circa la ricezione della convocazione, se il lavoratore non si presenta alla visita ambulatoriale, l’Inps procede con l’invio di un nuovo invito, tramite raccomandata con avviso di ricevimento o tramite posta elettronica certificata.

Se l’assenza alla visita fiscale è ingiustificata, il lavoratore può subire l’applicazione di sanzioni disciplinari, nei casi più gravi anche il licenziamento per giusta causa.

Inoltre, non sono indennizzate le giornate di malattia:

  • per un massimo di 10 giorni di calendario, dall’inizio della malattia, in caso di prima assenza non giustificata alla visita fiscale;
  • per il 50% dell’indennità nel restante periodo di malattia, in caso di seconda assenza ingiustificata alla visita fiscale;
  • per il 100% dell’indennità, dalla data della terza assenza ingiustificata alla visita fiscale.

Come giustificare l’assenza alla visita fiscale?

In alcune ipotesi, al di fuori dei casi di esonero, l’assenza dalla visita fiscale può essere considerata giustificata. Ne è un esempio il caso in cui il dipendente debba allontanarsi dal proprio domicilio per effettuare una visita che non può essere svolta in orari diversi dalle fasce di reperibilità.

L’interessato è comunque tenuto a presentare la documentazione che prova che si tratti di un’assenza giustificata ed è obbligato a preavvertire l’azienda dell’assenza dal proprio domicilio durante la disponibilità.

Per saperne di più, leggi: Guida alle assenze giustificate alla visita fiscale.

Che cosa succede se passa il medico fiscale e trova il lavoratore?

Se il medico dell’Inps trova regolarmente il lavoratore presso il domicilio indicato durante le fasce di reperibilità, effettua la visita.

Terminato il controllo sanitario, redige in 4 copie, sull’apposito modulo fornito dall’Inps, il referto con l’indicazione dell’accertamento (o meno) dell’incapacità lavorativa causata dalla malattia.

In parole semplici, il medico può:

  • confermare le giornate di assenza prescritte dal medico che ha inviato all’Inps la certificazione telematica;
  • accordare un maggior numero di giornate, in quanto ritiene che sia necessario più tempo per la completa guarigione del lavoratore;
  • accordare un minor numero di giornate, in quanto ritiene che sia necessario meno tempo per la completa guarigione del lavoratore, o che questi sia già guarito.

Se il lavoratore non accetta l’esito della visita di controllo, deve eccepirlo immediatamente al medico fiscale, che lo annota sul referto; il giudizio definitivo compete al coordinatore sanitario della competente sede Inps.

Al termine della visita, il medico fiscale deve anche redigere un verbale informatico, che viene trasmesso in tempo reale all’Inps; il verbale è accessibile, tramite il sito dell’Inps, al datore di lavoro.


note

[1] Patologie ascritte alle prime 3 categorie della Tabella “A” allegata al DPR 834/1981, oppure patologie rientranti nella Tabella “E” dello stesso decreto.

Autore immagine: pixabay.com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube