HOME Articoli

Lo sai che? Niente più multa se dimentichi a casa la ricevuta sostitutiva della patente

Lo sai che? Pubblicato il 21 gennaio 2014

Articolo di




> Lo sai che? Pubblicato il 21 gennaio 2014

Chi rinnova la patente con il nuovo sistema dovrà esibire alla polizia la vecchia licenza di guida scaduta oltre alla ricevuta che rilascia il medico all’atto della visita, ma se l’interessato dimentica a casa gli attestati sanitari di rinnovo non può scattare nessuna multa.

I distratti possono tirare un sospiro di sollievo. Chi, durante il periodo di rinnovo della patente, dimentica a casa gli attestati sanitari sostitutivi della patente non riceverà alcuna multa. Lo ha chiarito di recente il Ministero dell’Interno [1]. Ma capiamo meglio di cosa si tratta facendo un passo indietro.

Cambia il sistema di rinnovo della patente. La nuova procedura prevede che, nel caso di rinnovo della patente, da oggi verrà sempre rilasciato all’automobilista un nuovo documento. Sparisce, quindi, il bollino adesivo che in passato si attaccava sulla vecchia licenza di guida.

Dopo la visita medica per la conferma di validità della patente – che il conducente deve (e doveva) fare per ottenere il rinnovo – gli organi sanitari comunicano telematicamente al Ministero i dati dell’interessato e inoltrano alla motorizzazione anche una fotografia e una firma originale del titolare del documento.

Il sistema informatico stamperà immediatamente una ricevuta sostitutiva di rinnovo – emessa in attesa dell’arrivo della nuova patente – con tutti i dati dell’interessato (compreso scadenza, prescrizioni ecc.). Tale documento, rilasciato in carta semplice e consegnato direttamente dal medico al conducente – consentirà di circolare in regola fino al ricevimento – che avverrà tramite posta – della nuova patente.

Il Ministero dell’Interno ha però dettagliato una serie di ipotesi che potrebbero venirsi a creare. Innanzitutto la richiesta di rinnovo non potrà essere avanzata troppo presto: non prima di quattro mesi della naturale scadenza. Quindi, non fatevi prendere dall’ansia, inoltrando istanze di rinnovo ancor prima di tale termine: non verrebbero accolte. C’è tutto il tempo, a 120 giorni dalla scadenza, per ottenere il nuovo documento.

La questione più interessante riguarda, come detto, i distratti che dimenticano i documenti a casa. Non scatterà alcuna sanzione se l’interessato dimenticherà a casa l’attestato medico di rinnovo. In questo caso, infatti, gli organi di polizia potranno comunque controllare la validità della patente sui sistemi informatici in dotazione. Dunque, chi rinnova la patente con il nuovo sistema dovrà esibire alla polizia la vecchia licenza di guida scaduta oltre alla ricevuta che rilascia il medico all’atto della visita, ma se l’interessato dimentica a casa gli attestati sanitari di rinnovo non può scattare nessuna multa.

Se per motivi formali non è stato possibile l’immediato rilascio della ricevuta di rinnovo l’interessato potrà ottenere dal medico l’estratto dei contenuti della relazione medica e con questo documento richiedere alla motorizzazione il rinnovo della patente, con rilascio di attestazione. Anche in questo caso, in sede di controllo stradale non succederà nulla se il conducente titolare di patente scaduta circolerà anche senza avere al seguito il documento medico di rinnovo. Scatterà la multa solo se il conducente, ottenuto il via libera del medico, non andrà tempestivamente alla motorizzazione a richiedere un duplicato della licenza di guida.

note

[1] L. 120/2010 e dlgs 59/2011 che ha modificato, tra l’altro, l’art. 126 del codice della strada.

Autore immagine: 123rf.com


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:
Informativa sulla privacy

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI