Business | Articoli

Pizzeria: niente imposta pubblicitaria per il cartello “consegna a domicilio”

7 Dicembre 2014
Pizzeria: niente imposta pubblicitaria per il cartello “consegna a domicilio”

Il messaggio di servizio è esente perché serve ad identificare l’attività commerciale indicandone il luogo di svolgimento al pubblico.

Non deve pagare l’imposta pubblicitaria il locale che svolge attività di pizzeria se l’insegna serve a indicare il luogo di svolgimento al pubblico dell’attività commerciale. Pertanto, il cartello a cassonetto, se è grande fino 5 metri quadrati, recante la scritta “consegna a domicilio”, è esentasse.

Le insegne di servizio non pagano l’imposta: è questa la sostanza della recente sentenza emessa dalla Commissione Tributaria Regionale di Perugia [1].

Il Comune, dunque, non può pretendere alcuna imposta se si è in presenza di un’insegna di esercizio, che ha solo la funzione di identificare il luogo in cui viene esercitata l’attività commerciale, e quindi non contiene un vero e proprio messaggio pubblicitario. Infatti, il cartello che specifica i servizi resi non ha una funzione promozionale.

I giudici ricordano il dettato della legge [2]: l’imposta non è dovuta per le insegne di esercizio di attività commerciali e di produzione di beni o servizi che contraddistinguono la sede ove si svolge l’attività, di superficie complessiva fino a 5 metri quadrati.

Questo è anche il convincimento della Cassazione che, in passato [3], aveva espresso la medesima interpretazione: l’esenzione dal tributo scatta a condizione che l’insegna, oltre a essere installata nella sede dell’attività a cui si riferisce o nelle pertinenze accessorie e ad avere la funzione di indicare al pubblico il luogo di svolgimento dell’attività, si mantenga nel predetto limite dimensionale dei 5 metri quadrati.

note

[1] CTR Perugia sent. n. 152/14.

[2] Art. 17, comma 1 bis del d. lgs. n. 507/92.

[3] Cass. sent. n. 26174/11 e n. 23021/09.

 

Autore immagine: 123rf com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube