HOME Articoli

News Leggere libri gratis? No ma con lo sconto delle detrazioni

News Pubblicato il 23 gennaio 2014

Articolo di




> News Pubblicato il 23 gennaio 2014

Una norma introdotta dal Governo Letta consente detrazioni fiscali per i libri, ma non per tutti.

Da quest’anno, leggere sarà economicamente più vantaggioso. Nell’ottica di favorire la diffusione della lettura, il Governo Letta ha inserito una norma interessante nel decreto “Destinazione Italia[1].

La nuova misura [2] prevede uno sgravio fiscale fino al 19% delle spese sostenute per l’acquisto di nuovi libri.

La detrazione, che potrà essere richiesta fino al 2016, prevede un tetto elevato, pari a 2000 euro per anno. Di questa somma, mille euro potranno essere destinate unicamente a testi scolastici o universitari mentre i restanti mille varranno per ogni sorta di pubblicazione, purché fornita del codice ISBN [3].

Si tratta quindi di una rilevantissima novità, sia per il costo dei testi scolastici, che di anno in anno pesa sul bilancio famigliare, sia per l’incremento di una più che sana abitudine, quale la lettura.

Tutto positivo dunque? Non proprio.

Il problema sorge, infatti, quando si tenta di definire cosa si intenda per libro. Se la classica carta stampata non suscita problemi, un discorso diverso e assai più complesso va invece fatto per le edizioni digitali dei libri: i cosiddetti e-book.

Complice il grande successo dei dispositivi dedicati alla lettura di questi testi [4], il fenomeno dei libri digitali è in costante aumento anche nel nostro Paese. Ma il decreto “Destinazione Italia”, apparentemente senza motivo, ha escluso l’e-book dal novero dei libri detraibili.

Dietro ad una simile scelta si possono individuare due ordini di motivazioni.

In primo luogo, la prova dell’acquisto. A differenza dello scontrino di una libreria, infatti, l’acquisto di una pubblicazione digitale potrebbe essere più difficilmente dimostrabile, in quanto servirebbe il cosiddetto scontrino parlante, come avviene per i farmaci.

In secondo luogo vi è il regime dell’Iva. Attualmente, infatti, gli e-book scontano l’iva al tasso pieno del 23% e non invece quella agevolata del 4%.

In maniera un po’ paradossale, dunque, il libro “di carta” diventa detraibile mentre lo stesso testo, in versione “elettronica”, sconta a pieno l’iva (anche se, di recente, il Governo ha promesso di intervenire sul punto).

Oltre a quanto detto, e oltre alle necessità di un controllo dell’UE, vi è poi un altro ordine di problemi.

Il fondo che il Governo ha stanziato come dotazione per la detrazione sui libri ammonta a 50 milioni di euro.

Tuttavia, le stime più recenti affermano che in Italia si spende annualmente in libri e testi una cifra vicina ai 3 miliardi di euro e, pertanto, il 19% di un simile importo dovrebbe prevedere un fondo di 570 milioni di euro.

Ben lontani dunque da quanto stanziato.

La linea sposata dal Governo, forse un po’ timidamente, non può che essere apprezzata. In un Paese quale l’Italia, in cui la percentuale dei lettori è in costante calo [5], tutto ciò che contribuisce allo sviluppo della cultura, personale oltre che collettiva, va sicuramente incoraggiato ed appoggiato.

Speriamo dunque che questo sia un primo passo verso risultati anche migliori.

di ANDREA PASSANO

Ogni anno, fino al 2016 sarà possibile chiedere la detrazione del 19% delle spese sostenute per l’acquisto di libri. La cifra massima detraibile sarà di 2000 euro di cui mille per testi universitari o scolastici e mille per ogni altra pubblicazione.

note

[1]Decreto legge n.145 del 23 dicembre 2013.

[2] Articolo 9 del Decreto legge n.145 del 23 dicembre 2013.

[3] Acronimo per: International Standard Book Number. Trattasi di un numero che identifica in modo univoco un titolo o una edizione di un titolo di un determinato editore. Oltre ai libri, si può attribuire a tutti i prodotti creati per essere utilizzati come libro, come ad esempio un e-book.

[4] Gli e-book reader.

[5] Le ultime percentuali elaborate dall’Istat per il 2013 hanno visto una diminuzione dei “popolo” dei lettori dal 46 al 43%.

Autore immagine: 123rf.com


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:
Informativa sulla privacy

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI