Più tasse in arrivo per pagare il Recovery plan

20 Gennaio 2021 | Autore:
Più tasse in arrivo per pagare il Recovery plan

L’Unione europea vuole introdurre quattro nuovi prelievi fiscali per compensare il finanziamento del Piano di ripresa e resilienza. Ecco i conti di Bruxelles.

Lo stanziamento dei soldi del Recovery plan non sarà indolore. L’Unione prevede l’introduzione di quattro nuove tasse per finanziare il Piano di ripresa e resilienza messo a punto allo scopo di aiutare gli Stati membri a superare la crisi causata dall’emergenza Covid.

Si tratta, come spiega questa mattina il quotidiano Italia Oggi, di quattro prelievi fiscali dal gettito complessivo di circa 22 miliardi di euro l’anno fino alla fine del 2058 per aumentare dello 0,6% le entrate dirette dell’Ue e compensare le passività che derivano dall’emissione dei Recovery bond.

Questi i conti che si stanno cercando di far quadrare a Bruxelles. Verrà reperito dal mercato un prestito fino a 750 miliardi di euro, soprattutto entro il 2024. In questo modo, il Consiglio europeo ha deciso un incremento straordinario dei massimali di gettito dello 0,6% per fronteggiare la crisi del Covid, valido sia per tutti i prelievi fiscali dell’Unione sia per le contribuzioni dei singoli Paesi al bilancio comunitario.

Nella pratica, quindi, si prevedono questi quattro nuovi prelievi fiscali:

  • un’aliquota del 3% sulla nuova base imponibile consolidata per l’imposta sulle società;
  • una quota del 20% di quanto viene incassato dalle aste del sistema comunitario di scambio delle quote di emissioni;
  • la riforma delle entrate con il mantenimento dei dazi doganali come gettito diretto;
  • un contributo nazionale sulla quantità di rifiuti di imballaggi di plastica non riciclati.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube