Nuova speranza per i bambini ipovedenti

20 Gennaio 2021
Nuova speranza per i bambini ipovedenti

In Italia, la prima terapia per le malattie ereditarie della retina. Possono colpire dalla nascita e far perdere totalmente la vista. 

C’è una malattia rara che colpisce fin dalla culla. Rientra in un ampio gruppo di patologie chiamate distrofie retiniche ereditarie: degenerazioni genetiche che compromettono la vista. In questa variante, la mutazione dei geni rende i bambini ipovedenti fin dalla tenerissima età. È progressiva: la maggior parte di loro peggiora col tempo, arrivando alla cecità totale.

La buona notizia di queste ore è che c’è un trattamento che può dare speranza a questi malati, bambini ma anche adulti cresciuti con la patologia. Si chiama Luxturna (Voretigene neparvovec): è una terapia genica innovativa appena arrivata in Italia, che agisce come una specie di «correttore» dei geni alterati.

Il trattamento è adatto in generale alle malattie ereditarie della retina, ma soprattutto a questa forma di distrofia dove il gene mutato è l’Rpe65, in entrambe le sue copie.

L’Agenzia italiana del farmaco (Aifa) ha dato l’ok alla rimborsabilità. Vuol dire che i pazienti interessati potranno finalmente accedere alla terapia, consistente in un intervento a entrambi gli occhi: un’iniezione sottoretinica. È la prima cura per questo tipo di patologie.

«La disponibilità di una terapia ha il potenziale di ridurre il notevole onere fisico, emotivo e finanziario sui pazienti e sulle famiglie», dichiara Assia Andrao, presidente di Retina Italia Onlus.

Durante la sperimentazione, Luxturna aveva già dato risultati promettenti. È stata approvata nel 2017 negli Stati Uniti. Per i primi test in Italia si è dovuto aspettare fino al 2019, quando due bambini affetti da questa malattia hanno ricevuto «l’iniezione salva-vista» alla Clinica oculistica dell’Università degli studi della Campania Luigi Vanvitelli. Già dopo pochi giorni dall’intervento, avevano recuperato buona parte del campo visivo.

Progressi eccezionali e miglioramenti inalterati a distanza di un anno per questi due bimbi che, non riuscendo a vedere, non erano in grado di giocare a pallone, né di fare una passeggiata la sera in condizioni di luminosità ridotta.

«Dopo un anno – sottolinea Francesca Simonelli, che dirige la Clinica oculistica dell’ateneo campano – siamo in grado di dire che Voretigene neparvovec è una concreta opportunità, un risultato dal profondo valore scientifico poiché la sua efficacia è duratura».



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube