Cronaca | News

Covid: arrivata in Italia la variante brasiliana

25 Gennaio 2021
Covid: arrivata in Italia la variante brasiliana

Il primo caso in corso di valutazione nel Nord Italia. È un uomo, risultato positivo al tampone dopo un viaggio in Sudamerica.

Un uomo ha contratto il Coronavirus in Brasile durante un viaggio: se n’è accorto eseguendo poi un tampone molecolare. Potrebbe trattarsi del primo caso italiano di variante brasiliana del Covid.

È una nota dell’Agenzia di tutela della salute (Ats) Insubria a dare la notizia, dove si spiega che «è in corso di valutazione presso l’Ospedale di Varese il primo caso di variante brasiliana a oggi osservato in Italia». L’azienda sanitaria sta svolgendo tutti gli accertamenti sanitari del caso. Proprio per consentirli, l’uomo è stato precauzionalmente ricoverato, anche se le sue condizioni sono buone e non destano allarme. Rientrava dal Brasile. Ha preso un volo che ha fatto scalo a Madrid e poi è atterrato all’aeroporto di Malpensa. Viene tenuto sotto osservazione nel reparto Malattie infettive dell’ospedale di Varese; anche i suoi contatti e familiari sono monitorati.

L’ospedale si sta muovendo in sinergia con la direzione Welfare della Regione Lombardia e con l’Istituto superiore di sanità (Iss). «Sono state adottate tutte le misure di sanità pubblica previste dai vigenti protocolli sanitari per il controllo della diffusione della variante brasiliana sul nostro territorio e, ad oggi, la situazione non è motivo di allarme», conclude la nota dell’azienda sanitaria.

Al momento, quello che si sa della variante brasiliana, tecnicamente nota come B.1.1.28, è che la proteina Spike ha delle mutazioni più consistenti, rispetto alle altre varianti del virus in circolazione in questo momento (inglese e sudafricana).

Cambierebbe la forma della proteina Spike, che è l’uncino utilizzato dal virus per agganciarsi alle cellule umane. Questo la renderebbe meno riconoscibile al sistema immunitario, si teme con maggior difficoltà di riconoscerla per gli anticorpi.

È il tipo di variante più recente: il primo caso è stato quello di un’infermiera di 45 anni che aveva già contratto il Covid una prima volta. Si è ammalata di nuovo a distanza di cinque mesi, con sintomi più evidenti che in precedenza.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube