Le 112 aziende dove si lavora meglio: pubblicato l’elenco

25 Gennaio 2021
Le 112 aziende dove si lavora meglio: pubblicato l’elenco

Opportunità di crescita, sicurezza, sensibilità ai bisogni del personale: sono solo alcuni dei criteri per affidare la certificazione Top Employers Italia.

Ogni lavoratore sogna un impiego all’altezza delle sue aspettative, dei suoi interessi, delle sue capacità. Ci sono dimensioni professionali dove si tiene conto di tutto questo, nell’ottica secondo cui creare un ambiente di lavoro piacevole sia un investimento in primis per l’azienda.

Si chiama Top Employers Italia la certificazione che, ogni anno, viene assegnata alle imprese dalle migliori best practice, in materia di valorizzazione del capitale umano.

La certificazione Top Employers Italia

È il Top Employers Institute ad attribuire il riconoscimento alle aziende in cui si lavora meglio, perché la paga è commisurata allo sforzo, si tiene conto delle esigenze del personale, lo si incentiva alla formazione, lo si motiva garantendo possibilità di crescita e di carriera.

Le politiche aziendali vengono passate al setaccio e, in base a parametri stabiliti dal Top Employers Institute, si decide quali imprese soddisfino gli standard richiesti. Sono stati appena attribuiti 112 di questi riconoscimenti per l’anno 2021. Molte conferme ma anche qualche novità.

Il Top Employers Italia, naturalmente, riguarda risultati di eccellenza raggiunti in Italia relativamente alle condizioni di lavoro in generale, alle opportunità di carriera, all’attenzione ai bisogni – anche extralavorativi – del personale.

Poi, c’è il Top Employers Europe, che è una certificazione omologa ma più ampia, per le imprese che raggiungono gli stessi standard di qualità in almeno cinque Paesi europei. Infine, il Top Employers Global, ottenuto da quelle aziende che sono certificate in 20-25 Stati del mondo.

I riconoscimenti nel 2021

Amazon è al suo primo Top Employers Italia. Sono circa diecimila gli assunti a tempo indeterminato dal gigante dell’e-commerce che, nel giro di un decennio, si è imposto anche in Italia come tra i maggiori creatori di posti di lavoro.

Amazon prevede una delle retribuzioni più alte per la qualifica di operatore di magazzino (1550 euro lordi). La possibilità di crescere in azienda è incentivata da programmi come il Career Choice, che copre per quattro anni e quasi per intero le spese per rette di corsi e libri per specializzarsi.

Tra le tante conferme del Top Employers Italia 2021, il Gruppo Hera, azienda multiservizi italiana, con sede a Bologna, che si occupa di servizi energetici, ambientali e idrici.

Un’altra veterana è Lidl Italia, al suo quinto Top Employers di seguito; rientra anche tra i Top Employers Europe. Quest’anno ha assunto oltre duemila persone.

Anche altre catene di supermercati mostrano di essere molto apprezzate per le condizioni di lavoro del personale, ad esempio Esselunga o Carrefour. Premiate, tra le altre, numerose case farmaceutiche come Angelini, AstraZeneca Italia, Novartis, solo per citarne alcune.

La lista completa delle 112 migliori aziende

Di seguito, l’elenco completo delle certificazioni Top Employers Italia di quest’anno. Si è scelto di dividerle per settore per comodità:

  • automotive e trasporti: Alstom Italia, Automobili Lamborghini, Dana Italia, Ducati Motor Holding, Ferrari, LeasePlan Italia, Toyota Motor Italia, Volkswagen Group Italia;
  • bancario, assicurativo, finanziario e consulenza aziendale: Accenture, Allianz, Bip, Bnl Gruppo Bnp Paribas, Bper Banca, Cassa depositi e prestiti, Credit Agricole Italia, EY, Findomestic Banca, FinecoBank, Generali Italia, Groupama Assicurazioni, Gruppo Axa Italia, Gruppo Credem, Ing bank, Itas mutua, Poste Italiane, SGB Humangest Holding, The European House-Ambrosetti, UniCredit, Zurich;
  • cibo, supermercati e grande distribuzione: Carrefour Italia, Esselunga, Lidl Italia, Metro Italia Cash and Carry, Perfetti Van Melle;
  • comunicazione, pubbliche relazioni, intrattenimento: Dentsu, GroupM, Radio Dimensione Suono, Rai Way;
  • e-commerce, shopping e logistica: Amazon Italy, Dhl Freight Italy, Kuehne + Nagel, QVC Italia;
  • energia, acqua, gas: Edison, Gruppo Hera, Italgas;
  • farmaceutico e sanitario: Abbott, Angelini pharma, Arjo Italia, AstraZeneca Italia, Boehringer Ingelheim Italia, Bracco, Chiesi Farmaceutici, Eli Lilly Italia, Fondazione Poliambulanza Istituto Ospedaliero, Fondazione Policlinico Universitario Agostino Gemelli Irccs, Gruppo Servier in Italia, Msd Animal Health, Msd Italia, Novartis, Roche, Sandoz, Sanofi, Takeda Italia;
  • informatica, tecnologie e telefonia: Alten Italia Società Unipersonale, Avanade Italy, Canon Italia, Capgemini Italia, Huawei Italia, Konica Minolta Business Solution Italia, Olympus, Open Fiber, SAP Italia, Siemens, Vodafone Italia, Windtre;
  • vari ambiti: Baxter Italy, Borgo Egnazia, British American Tobacco (Bat) Italia, Chep Italia, Coca-Cola Hbc Italia, Danfoss Power Solutions ICS, Edp Renewables Italia, Electrolux, Elica, Emilgroup, Gruppo Cap, Gruppo Hera, Gruppo Iren, iGuzzini illuminazione, Ima, Imperial Brands Italia, Iss Facility Services Italy, Italdesign, Jti Italy, Kelly Services, Kuwait Petroleum Italia, Lagardère Travel Retail Italia, Lavazza Group, Marazzi Group, Marriott International, Obi Italia, PageGroup, PepsiCo Italia, Philip Morris Italia, Puma Italia, PwC, Saint-Gobain Italia, Smurfit Kappa Italia, Successori Reda, The Esteée Lauder Companies, Tod’s, Whirlpool.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube