Politica | News

Cosa ha detto Conte all’ultimo Consiglio dei ministri

26 Gennaio 2021 | Autore:
Cosa ha detto Conte all’ultimo Consiglio dei ministri

I ringraziamenti, qualche battuta su Italia Viva, la consapevolezza «di avere agito sempre in coscienza». In arrivo, un videomessaggio agli italiani.

L’orgoglio fino all’ultimo minuto di chi ritiene di poter uscire a testa alta. Ma anche il bruciore provocato da uno strappo che ancora fa male, quello di Matteo Renzi, artefice della crisi di Governo che oggi è stata formalizzata con le dimissioni di Giuseppe Conte da presidente del Consiglio: «Del resto, volevano buttarci giù un anno fa», ha confidato ai suoi ministri al termine del Consiglio di questa mattina in cui ha ufficializzato quello che loro già sapevano, cioè la sua intenzione di andare in mattinata al Quirinale per rimettere il mandato. «Li ha fermati la pandemia, ma il disegno era già chiaro allora e questo dobbiamo tenerlo presente». Come a dire: attenzione a fidarsi ancora di loro in vista di un eventuale Conte ter.

Il premier ha aperto l’ultimo Consiglio dei ministri ringraziando «l’intera squadra di Governo, ogni singolo ministro, per ogni giorno di questi mesi insieme». Non è mancato l’applauso, racconta qualcuno dei presenti. «Possiamo avere commesso degli errori, altri li valuteranno – ha continuato Conte – ma possiamo dire di avere agito sempre in coscienza. Avremmo potuto fare altro, certo, ognuno di noi ha dei limiti, ma non ci siamo risparmiati».

Conte ha rivendicato anche il ruolo dell’Italia in Europa per quanto riguarda la pandemia: «Se penso che quando abbiamo iniziato avevamo davanti la necessità di disinnescare le clausole Iva – ha commentato – e adesso stiamo scrivendo i progetti ambiziosi del Recovery Plan, penso che è cambiato il mondo e che noi siamo stati parte di questo cambiamento». Tuttavia, ha concluso l’avvocato, «oggi i numeri in Parlamento, la situazione delle commissioni parlamentari, si è creato un contesto per il quale non possiamo dare al Paese le risposte di cui ha bisogno. La politica ha leggi ferree e quelle leggi vanno rispettate».

Quindi, il congedo: «A me per primo è capitato di dire di essere diventato presidente per caso, ma nel corso di questi mesi ho maturato un’esperienza politica e mi rendo conto di aver avuto una fortuna che altri prima di non hanno avuto: la solidità dell’appoggio di tre forze parlamentari che ci hanno consentito di lavorare per il Paese».

Ora, tra un appuntamento istituzionale e l’altro, Conte starebbe preparando un video per spiegare agli italiani i motivi che lo hanno portato alle dimissioni. Un ultimo passaggio «a reti unificate» dopo i tanti appuntamenti fissi in cui ha spiegato un numero interminabile di Dpcm anti-Covid.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube