Diritto e Fisco | Articoli

Slot machine, lecito ridurre l’orario di gioco: fanno male alla salute

27 Gennaio 2014
Slot machine, lecito ridurre l’orario di gioco: fanno male alla salute

Il divieto si giustifica in particolar modo per giovani e anziani: l’ordinanza del sindaco di Lecco che vieta l’uso delle macchinette nei bar in quanto “strumenti di grave pericolo”.

Vietato giocare alle slot-machine di notte e di primo mattino: l’ordinanza del sindaco di Lecco, che sta facendo discutere un po’ ovunque, è stata dichiarata legittima e pienamente valida dal Tar Lombardia [1]. Così, i giudici hanno ritenuto che ben può il primo cittadino vietare l’uso delle macchinette da gioco per tutelare la popolazione da una malattia seria e grave quale la ludopatia.

Il Comune ben può regolamentare gli orari che riguardano le sale da gioco. E ciò non tanto per una questione di tutela dell’odine pubblico, ma della salute. Gli apparecchi da gioco sono ormai considerati – scrivono i giudici – degli strumenti di grave pericolo per la salute individuale e il benessere psichico e socio-economico della popolazione locale. E poiché il sindaco può emettere provvedimenti in materia di “salute pubblica”, ecco giustificato il limite di orario.

È questa del resto l’opinione anche della Corte Costituzionale, secondo la quale le norme che limitano il gioco d’azzardo sono finalizzate a tutelare soggetti ritenuti maggiormente vulnerabili, o per la giovane età o perché bisognosi di cure di tipo sanitario o socio assistenziale, e a prevenire forme di gioco cosiddetto compulsivo oltre che a evitare effetti pregiudizievoli per il contesto urbano, la viabilità e la quiete pubblica.

Insomma, da oggi, se i nostri sindaci non interverranno per bloccare questa piaga non potranno più giustificarsi dicendo che non rientra nei loro poteri la regolamentazione del gioco d’azzardo.


note

[1] Tar Lombardia sent. n. 50/2014.

Autore immagine: 123rf.com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube