Tumore al seno: scoperto come bloccare le metastasi

26 Gennaio 2021
Tumore al seno: scoperto come bloccare le metastasi

Uno studio internazionale svela in che modo si può neutralizzare la proteina responsabile della diffusione nelle ossa delle cellule maligne del cancro.

Più di dodicimila persone, nel 2020, non ce l’hanno fatta a sconfiggere il cancro al seno. La parabola della mortalità è discendente (-0,8% ogni anno) e le aspettative di vita si sono di molto allungate, ma la ricerca va avanti per progredire ancora sul terreno delle cure.

Uno studio internazionale, cui hanno partecipato anche ricercatori italiani, va proprio in questa direzione. È stato scoperto che un anticorpo monoclonale, chiamato Volociximab, può impedire che le metastasi del tumore si diffondano alle ossa.

Si deve agire su una proteina particolare, la proteina integrina alfa5: è in gran parte da lei che dipende il processo di metastatizzazione ossea. Vuol dire che permette alle cellule maligne del cancro di espandersi nelle ossa.

Il Policlinico universitario Campus Bio-Medico, insieme ai colleghi dell’Inserm di Lione e a team di ricercatori di Amburgo e Parigi, ha fatto prima una serie di esperimenti in laboratorio, in vitro e poi in vivo.

Una volta individuata la proteina si è pensato di inibirne l’azione. In qualche modo e con le dovute proporzioni ricorda un po’ la Spike del Coronavirus: se quest’ultima è il gancio con cui il Covid si attacca alle cellule dell’organismo per infettarle, la proteina integrina alfa5 opera in modo analogo, legandosi alla fibronectina, che è un’altra proteina altamente presente nelle ossa.

«Questo “aggancio”, il primo evento che porta allo sviluppo delle metastasi, viene bloccato dal Volocixamab che si frappone alle due molecole e ferma la propagazione del tumore nell’osso – dichiara Francesco Pantano, dell’Unità di Oncologia medica del Policlinico Universitario Campus Bio-Medico -. Il risultato è molto promettente anche perché il farmaco è sicuro, è già stato testato e non è tossico».

L’anticorpo monoclonale, dunque, agisce da barriera ponendo un freno a una fase della crescita del tumore. Fase decisiva, perché i processi di metastatizzazione ossea possono essere anche all’origine della recidiva, cioè della ricomparsa della malattia a distanza di anni da una terapia che aveva fatto effetto. Ecco perché bloccarli è fondamentale.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube