Da giugno decreti ingiuntivi solo telematici

27 gennaio 2014


Da giugno decreti ingiuntivi solo telematici

> Diritto e Fisco Pubblicato il 27 gennaio 2014



Da giugno diventa obbligatorio presentare i decreti ingiuntivi solo con il processo telematico.

 

Dal prossimo 30 giugno, il processo telematico entrerà nel vivo. Si comincerà con i decreti ingiuntivi che, per legge, potranno essere richiesti solo con le nuove procedure informatiche.

L’annuncio è stato dato del Ministro della Giustizia a Cagliari in occasione dell’inaugurazione dell’anno giudiziario in ciascun distretto, dopo la tradizionale cerimonia di venerdì in Cassazione. Secondo il Guardasigilli, le nuove procedure dovrebbero garantire tempi più celeri e maggiore risparmio di costi per la giustizia. Il tutto avveniva mentre, nel resto d’Italia, si svolgevano manifestazioni contro le nuove riforme. A Napoli si indossavano maschere di Anonymus; a Roma, invece, fasce tricolori sulle toghe contro la “giustizia solo per ricchi”.

L’OUA ha confermato l’astensione delle udienze per i giorni dal 18 al 20 febbraio, con la manifestazione nazionale  fissata a Roma per l’ultimo dei tre giorni di sciopero proclamati.

L’informatica è ormai entrata prepotentemente negli studi legali. Alzi la mano chi ancora fa le ricerche giurisprudenziali nei vecchi repertori. I documenti vengono creati su word e spediti per email o Pec; le riviste vengono consultate in formato pdf e i precedenti non si trovano più sui dvd, ma direttamente nelle banche dati online.

Anche il fisco si è informatizzato: l’imposta di registro ormai si compila e si paga online.

Tutti i documenti vengono generati attraverso l’ausilio di computer e programmi di videoscrittura. Perché allora procedere col passo del gambero e, dopo aver utilizzato l’informatica nella fase della creazione del testo, ritornare poi alla carta, valendosi della vecchia stampante, firmare con la penna, fare la fila in cancelleria e impiegare un praticante per controllare se il decreto è stato emesso?

Senza contare sull’indubbio effetto di riduzione dei “tempi tecnici” (si pensi ai tempi di attraversamento dei fascicoli processuali da un ufficio all’altro) che il processo telematico potrà apportare. Sembra che quasi la metà del tempo degli avvocati e quasi la totalità del tempo del personale delle cancellerie sia occupato in attività di segreteria e non processuali in senso stretto. I legali, insomma, impiegano le loro mattinate in compiti poco remunerativi oppure sfruttando il lavoro delle giovani e volenterose leve.

note

Autore immagine: 123rf.com

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

ARTICOLI CORRELATI

2 Commenti

  1. salve, sono un condomino di una palazzina di 15 appartamenti.
    Il nostro amministratore se volesse fare causa al costruttore per vizi di forma sul fabbricato deve aprire una casella PEC a nome del condominio oppure si deve servire della PEC del legale? Lui non ha la PEC perché non è un professionista e non è iscritto a nessun albo.
    grazie

    1. L’enorme numero di consulenze che riceviamo ogni giorno ci ha obbligato ad attivare uno speciale servizio di richiesta, tramite “ticket”, onde poter dare un riscontro a tutti, professionale ed in tempi certi.

      Per acquistare il “ticket” online è necessario collegarsi al portale https://www.laleggepertutti.it. Sul menu di sinistra troverà, sotto la voce rossa “servizi”, l’opzione “Richiedi consulenza”.
      Lo stesso risultato si può raggiungere cliccando sulla scritta, posta sopra ogni articolo, “Richiedi consulenza su questo argomento”.

      A quel punto, il sistema La guiderà nel pagamento attraverso carta di credito, Paypal o Postepay.

      Si tratta di un’operazione molto semplice e dal modico prezzo (euro 29,00 iva compresa) che ci consente di rispondere alle svariate domande che ci arrivano da tutta Italia.

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI