Diritto e Fisco | Articoli

Partita IVA per giovani: ecco i costi per aprirla. Conviene?

27 Gennaio 2014
Partita IVA per giovani: ecco i costi per aprirla. Conviene?

Alcuni consigli pratici per gli under 35 in cerca di un regime fiscale conveniente: quanto costa aprire la partita IVA? È davvero vantaggiosa per un giovane appena laureato?

Sempre più giovani diventano titolari di una partita Iva, segno anche della crisi economica che spinge le nuove leve a cercare nell’autoimprenditorialità una soluzione alla disoccupazione. La Partita Iva non è più un regime tipico dei liberi professionisti, ma anche dei creativi (fotografi, musicisti, registi, programmatori, ecc.) e di giovani imprenditori freschi di laurea.

I principali destinatari restano comunque i professionisti: architetti e ingegneri, avvocati neo iscritti o praticanti con il patrocinio, fisioterapisti e commercialisti.

Ma quanto costa aprire una partita Iva se si ha meno di 35 anni? E conviene davvero?

Le spese

Per chi sbriga le pratiche da solo, l’apertura della partita Iva è del tutto gratuita.

Se, invece, si affida la pratica al proprio commercialista, si potrà spendere una somma tra 200/250 euro a seconda di quale delle due categorie ci si voglia iscrivere:

a) commerciante o artigiano (imprenditore individuale):

il pagamento dello studio si aggira in media sui 200 euro di cui

– 50 euro per l’apertura della partita Iva,

– dai 110 euro in su per l’iscrizione alla Camera di Commercio o per l’iscrizione all’Albo degli artigiani, 50 euro per l’iscrizione all’Inps in gestione commercianti o artigiani.

b) libero professionista (imprenditore autonomo):

in questo caso si spendono 50 euro per l’apertura della partita Iva e 50 euro per l’iscrizione all’Inps separata.

I vantaggi dei “nuovi minimi”

Chi ha la partita Iva ha la possibilità di dedurre dal compenso tutti i costi lavorativi. Inoltre può accedere al regime fiscale dei “superminimi” (imposta sul reddito del 5%, con tempistiche più elastiche proprio per professionisti sotto i 35 anni d’età).

Per quanto riguarda le deduzioni fiscali, il titolare della partita Iva ha il diritto di detrarre da quanto guadagna tutti i “costi inerenti” alla sua attività. Se l’inerenza è completa, la deduzione è del 100%. Viceversa, se l’inerenza è parziale, la deduzione scatta con determinate percentuali. Ad esempio un abbonamento telefonico è considerato inerente solo a metà perché può servire non solo per la vita lavorativa, ma anche per telefonate private: pertanto è soggetto a una deduzione del 50%. L’acquisto di un manuale, invece, è considerato del tutto inerente e può essere dedotto al 100%.

Quanto alle tasse, le neo-partite Iva rientrano nello schema fiscale dei cosiddetti “nuovi minimi” che prevede una tassa fissa sul reddito del 5% e il taglio dell’Iva sulle fatture da emettere. In più, i propri compensi non sono assoggettabili a ritenuta d’acconto e non si prevede l’applicazione di studi di settore.

Può accedere a tale regime fiscale chi abbia ricavi inferiori ai 30mila euro nei 12 mesi che hanno preceduto l’apertura della partita Iva, purché non utilizzi dipendenti o collaboratori, anche se vincolati da formule elastiche come il contratto a progetto.

Per maggiori informazioni si rinvia all’approfondimento: “Il regime fiscale dei minimi per giovani e professionisti

Per chi ha appena iniziato a lavorare conviene davvero aprire la partita Iva?

Dipende. Il confine tra lavoro abituale e lavoro occasionale può essere sfumato. “Varia molto a seconda del tipo di attività. Ad esempio, se si conduce un’attività commerciale e ci si mantiene sempre sotto la soglia di 30mila euro, tra tasse e acquisti di merce si rischia di perdere più di quello che si è ottenuto con agevolazioni e “nuovi minimi” del caso.


note

Autore immagine: 123rf.com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube