Diritto e Fisco | Articoli

Come richiedere le ferie per iscritto?

16 Maggio 2021
Come richiedere le ferie per iscritto?

Il dipendente ha diritto a godere di un periodo di riposo annuale stabilito dalla legge e dalla contrattazione collettiva.

Hai intenzione di portare la tua famiglia a fare una gita di qualche giorno per festeggiare l’anniversario di matrimonio. Vuoi essere sicuro di ottenere le ferie dal tuo datore di lavoro. Vuoi sapere cosa devi scrivere nella lettera con cui richiedi la fruizione delle giornate di riposo.

Le ferie sono un diritto fondamentale previsto dalla Costituzione e dalle leggi per proteggere la salute del lavoratore e la sua vita relazionale ed extra-lavorativa. È la legge a stabilire la durata delle ferie annuali e le modalità di fruizione delle ferie.

Ma cosa occorre fare per richiedere le ferie? Come richiedere le ferie per iscritto? Non vi sono formule da rispettare ma occorre, innanzitutto, verificare quali sono le prassi presenti in azienda.

Chi ha diritto alle ferie?

Le ferie sono un diritto non rinunciabile da parte del lavoratore e spettano a tutti i dipendenti assunti con contratto di lavoro subordinato, sia a tempo determinato che a tempo indeterminato. La legge [1] prevede che il lavoratore debba godere di almeno quattro settimane di ferie annue. Tale soglia minima, tuttavia, può essere incrementata dalle disposizioni del Ccnl, del contratto aziendale oppure della lettera di assunzione. I contratti collettivi, infatti, possono derogare alle disposizioni di legge solo in senso più favorevole per il lavoratore.

La legge specifica anche quanti giorni di ferie devono essere goduti nell’anno di maturazione, prevedendo che il periodo annuale di ferie retribuite debba essere goduto, per almeno due settimane, consecutive in caso di richiesta del lavoratore, nel corso dell’anno di maturazione e, per le restanti due settimane, nei 18 mesi successivi al termine dell’anno di maturazione.

Chi determina il periodo di ferie?

Uno degli aspetti che più interessa al lavoratore è sapere chi decide quando andare in ferie. La legge prevede, indubbiamente, la prevalenza dell’imprenditore nella programmazione delle ferie [2]. È, infatti, il datore di lavoro a decidere il periodo di fruizione delle ferie.

Tuttavia, nella programmazione del periodo di riposo, l’azienda deve tenere conto delle esigenze personali dei dipendenti e bilanciarle con quelle aziendali.

Come richiedere le ferie?

Non esiste una regola generale da seguire per inoltrare al datore di lavoro la richiesta di fruire delle ferie. Occorre, innanzitutto, verificare quali sono le prassi aziendali in merito. In molte aziende sono presenti dei programmi informatici che devono essere utilizzati dal lavoratore per tutte le richieste inerenti la gestione del personale, compresa la richiesta delle ferie. In altri casi, invece, è necessario scrivere una comunicazione da inviare o via mail o da consegnare a mani. Il testo da inserire nella richiesta può essere sulla falsariga del seguente:

Spettabile Società,

il sottoscritto ____, dipendente della Società con mansioni di ____ e addetto al reparto _____, richiede di fruire di un periodo di ferie dal ____ al ____.

In attesa di un Vostro riscontro porgo

Cordiali saluti,

firma ____

Ferie: quale retribuzione spetta?

Durante la fruizione delle ferie il lavoratore ha diritto a ricevere la normale retribuzione. Infatti, la legge afferma che il periodo di ferie è retribuito. Lo stipendio del dipendente durante i giorni di ferie è a totale carico del datore di lavoro ed è assoggettato ad oneri fiscali e contributivi pieni, al pari della retribuzione ordinaria.

Per quanto concerne il computo delle voci retributive che devono essere remunerate al dipendente in ferie occorre evidenziare che, secondo la giurisprudenza, il lavoratore in ferie ha diritto a ricevere esattamente lo stesso trattamento retributivo che avrebbe ricevuto se avesse lavorato normalmente. Ne consegue che, secondo la giurisprudenza maggioritaria, nello stipendio durante il periodo di riposo vanno computati anche i compensi per lavoro straordinario mediamente percepiti nell’anno di riferimento.

Ferie: possono essere pagate?

Spesso, i dipendenti non riescono a smaltire regolarmente le ferie che maturano e vengono a crearsi situazioni difficili da gestire perché impattano notevolmente sull’organizzazione del lavoro. In questi casi, il lavoratore potrebbe avere interesse a farsi pagare le ferie, sostituendo il saldo attivo dei giorni di riposo con una indennità economica. Ciò, tuttavia, non è possibile. La legge prevede, infatti, che possono essere liquidate solo le giornate di ferie aggiuntive rispetto al minimo di 4 settimane annue previsto dalla legge. La monetizzazione delle ferie è, invece, sempre possibile (e, anzi, obbligatoria) in caso di cessazione del rapporto di lavoro.


note

[1] Art. 10 D. Lgs. 66/2003.

[2] Art. 2109 cod. civ.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube