Cronaca | News

Processo Salvini: cos’ha detto Conte ai magistrati

28 Gennaio 2021
Processo Salvini: cos’ha detto Conte ai magistrati

L’ex ministro è accusato di sequestro di persona aggravato e abuso d’ufficio nell’ambito del caso Gregoretti, la nave su cui rimasero per giorni 131 migranti. 

Testimonianza fiume del presidente del Consiglio dimissionario, Giuseppe Conte, al processo sul caso Gregoretti. Nel luglio 2019, il ministero dell’Interno, che allora era Matteo Salvini, impedì lo sbarco di 131 migranti dalla nave della Guardia costiera al porto di Catania.

È in corso l’udienza preliminare, in cui Salvini è l’unico imputato per sequestro di persona aggravato e abuso d’ufficio. Conte è stato ascoltato oggi dal gup Nunzio Sarpietro a Palazzo Chigi.

Una deposizione andata avanti quasi tre ore, durante la quale il concetto chiave ribadito da Conte è che l’indirizzo politico, ovvero coinvolgere l’Europa nella redistribuzione dei migranti, era condiviso con tutta la squadra di Governo. Però la decisione di fare o non fare sbarcare i migranti era di stretta competenza del ministero dell’Interno.

La difesa, naturalmente, dissente e cerca di dimostrare che la responsabilità, semmai ci fosse, sarebbe condivisa. Secondo l’avvocato di Salvini, Giulia Bongiorno, a dimostrarlo ci sono molti documenti e carteggi dove Palazzo Chigi è interessato direttamente nelle trattative sul reinsediamento dei migranti. Con tanto di video dello stesso Conte che dichiara: «Prima i ricollocamenti, poi gli sbarchi». Come a dire che lo stesso pressing sull’Europa si faceva attraverso la (non) gestione dei singoli arrivi.

Per il giudice Sarpietro, che ha rilasciato dichiarazioni ai giornalisti all’uscita da Palazzo Chigi, Conte è stato «molto collaborativo e profondo nelle risposte. Ottima testimonianza che mi ha chiarito molti elementi sulla politica di Governo e sulla ricollocazione dei migranti».

Inoltre, ha anche aggiunto che, se dai documenti prodotti dalla difesa di Salvini dovesse davvero emergere che c’è stata una condivisione di indirizzo politico da parte del Governo, «le responsabilità politiche vanno distinte da quelle penali».

Per Salvini l’udienza è stata un successo. «Sono molto soddisfatto – ha detto -. Emerge che ho difeso gli italiani». Il processo riprenderà a Catania a febbraio.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube