Diritto e Fisco | Articoli

Congedi parentali degli insegnanti: no differenze tra precari e assunti a tempo indeterminato

28 Gennaio 2014 | Autore:
Congedi parentali degli insegnanti: no differenze tra precari e assunti a tempo indeterminato

Durante i congedi parentali i lavoratori hanno diritto ad un’indennità calcolata sulla base della retribuzione integrale, a prescindere dal tipo di contratto con il quale sono stati assunti.

 

Anche gli insegnanti precari hanno diritto alla retribuzione integrale durante i congedi parentali e il periodo di astensione obbligatoria: è illegittima la disparità di trattamento tra docenti assunti a tempo indeterminato e quelli a tempo determinato.

È quanto chiarito da una recente ordinanza [1] con cui la Cassazione ha respinto il ricorso del Miur contro alcuni docenti scolastici.

In caso di congedi parentali e astensione obbligatoria dal lavoro, la parità di trattamento sul piano retributivo tra lavoratori a tempo indeterminato e determinato è stata già definitivamente raggiunta grazie ad espressa previsione contenuta nel contratto collettivo nazionale del comparto scuola 2002-2005 [2].

Il dubbio sulla parità di trattamento nasceva dal fatto che la legge [3] nulla dice al riguardo, limitandosi a disciplinare il trattamento economico e normativo dei congedi parentali. In particolare essa stabilisce che:

– durante il congedo di maternità le lavoratrici hanno diritto ad un’indennità giornaliera pari all’80 per cento della retribuzione per tutto il periodo del congedo [4];

– durante i periodi di congedo parentale il genitore che ne usufruisce ha diritto ad un’indennità pari al 30 per cento della retribuzione, a condizione che il reddito individuale sia inferiore a 2,5 volte l’importo del trattamento minimo di pensione a carico dell’assicurazione generale obbligatoria [5].

Il contratto collettivo nazionale [6] stabilisce poi che, durante il periodo di astensione obbligatoria, alla lavoratrice o al lavoratore spetta l’intera retribuzione fissa mensile, nonché le quote di salario accessorio fisse e ricorrenti che competono nei casi di malattia superiore a 15 giorni consecutivi o in caso di ricovero ospedaliero e per il successivo periodo di convalescenza post-ricovero.

Nell’ambito del periodo di astensione dal lavoro, per le lavoratrici madri o in alternativa per i lavoratori padri, i primi trenta giorni, computati complessivamente per entrambi i genitori e fruibili anche in modo frazionato, non riducono le ferie, sono valutati ai fini dell’anzianità di servizio e sono retribuiti per intero, con esclusione dei compensi per lavoro straordinario e le indennità per prestazioni disagiate, pericolose o dannose per la salute [6].

Come si può notare le norme appena elencate si riferiscono in generale a “lavoratrici” e “lavoratori” senza specificare il tipo di contratto con il quale sono stati assunti. La contrattazione collettiva del comparto scuola ha sciolto definitivamente ogni dubbio prevedendo il diritto all’intera retribuzione anche per i lavoratori a tempo determinato.


note

[1] Cass. ord. n. 1835/2014.

[2] Art. 19 Ccnl comparto scuola 2002-2005.

[3] D. Lgs. 151/2001.

[4] Art. 22 D. Lgs. 151/2001.

[5] Artt. 32 e 34 D. Lgs. 151/2001.

[6] Art. 12 Ccnl comparto scuola.

Autore immagine: 123rf.com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube