Diritto e Fisco | Articoli

Pezzi di ricambio dell’auto: se non è originale, il proprietario del veicolo va risarcito

29 Gennaio 2014 | Autore:
Pezzi di ricambio dell’auto: se non è originale, il proprietario del veicolo va risarcito

L’officina che sostituisce la portiera di un’automobile con uno sportello appartenente a un’altra vettura è tenuta a risarcire l’automobilista per il danno subito.

L’autocarrozzeria che monta uno sportello di un altro veicolo al posto di quello incidentato deve risarcire l’automobilista.

È quanto affermato dalla Cassazione che, con una recente sentenza [1], ha condannato il comportamento scorretto di un carrozziere, colpevole di aver affibbiato al cliente uno sportello taroccato, appartenente ad un modello di veicolo precedente.

Attenzione, quindi, a non dare per scontato l’operato del carrozziere cui ci si rivolge: è necessario essere scrupolosi e attenti ad ogni minimo dettaglio.

In primo luogo, è preferibile rivolgersi ad autocarrozzerie autorizzate o comunque convenzionate con il modello di auto posseduto.

È buona regola, inoltre, chiedere l’esibizione della fattura o dell’ordine di acquisto del prodotto originale effettuato dal titolare.

Sarebbe poi opportuno pretendere sempre un preventivo di spesa, dettagliato in ogni sua voce, datato e sottoscritto dal carrozziere. Infine, mai condurre trattative per via telefonica: la sorpresa potrebbe essere dietro l’angolo!

Nel caso di specie, i Giudici hanno sottolineato che l’autocarrozzeria non aveva ricevuto l’autorizzazione del proprietario ad utilizzare un pezzo non originale. Inoltre, è evidente come lo stesso automobilista non avrebbe mai potuto essere d’accordo con una simile operazione, e ciò per una serie di pratiche ragioni, tra cui:

mancanza di interesse dell’automobilista ad una sostituzione sconveniente, anche perché il costo era totalmente a carico dell’assicurazione e l’auto, acquistata solo un anno prima, avrebbe subito una evidente svalutazione sul mercato;

non urgenza dell’intervento, in quanto il proprietario possedeva altri veicoli per sostituire quello incidentato;

– richiesta immediata di spiegazioni all’officina dopo aver scoperto che la portiera, chiaramente non originale poiché prelevata da uno stesso modello di auto ormai fuori produzione, era stato adattato alla propria.

I Giudici, pertanto, hanno ritenuto pienamente legittima la richiesta di risarcimento dell’automobilista, avendo questi dimostrato che vi era un contratto di riparazione del mezzo e che la condotta dell’autocarrozzeria era contraria al principio di buona fede [2].


note

[1] Cass., sent. n. 1179/2014.

[2] Art. 1375 c.c.: “Il contratto deve essere eseguito secondo buona fede”. La buona fede è una regola di condotta che deve ispirare il comportamento delle parti nell’esecuzione del contratto. Ciò implica che ciascuna parte deve tenere una condotta leale e corretta, concretandosi nel rispetto dei doveri di avviso, solidarietà, informazione e protezione, sia nei riguardi della persona che dei beni della controparte.

La violazione del principio di buona fede determina il sorgere della responsabilità contrattuale, ex art. 1218 c.c., che prescrive: “Il debitore che non esegue esattamente la prestazione dovuta è tenuto al risarcimento del danno, se non prova che l’inadempimento o il ritardo è stato determinato da impossibilità della prestazione derivante da causa a lui non imputabile”.

La buona fede, in altri termini, rappresenta un dovere giuridico, che deve orientare il comportamento delle parti, e la cui violazione determina un inadempimento, con successivo obbligo di risarcire il danno, se provato.

Autore immagine: 123rf.com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube