Politica | News

Governo: chi vincerebbe oggi le elezioni con una lista Conte

30 Gennaio 2021 | Autore:
Governo: chi vincerebbe oggi le elezioni con una lista Conte

Se il premier dimissionario si decidesse a fare un suo partito, pagherebbero un caro prezzo M5S e Pd e sarebbe terzo, dietro Salvini e Meloni.

Il mandato esplorativo affidato dal Capo dello Stato al presidente della Camera, Roberto Fico, è appena iniziato. Quindi, c’è ancora qualche giorno prima di sapere se la decisione finale di Sergio Mattarella sarà quella di ridare l’incarico di formare un nuovo Governo a Giuseppe Conte, se puntare su un’altra figura per guidare l’Esecutivo o se sciogliere le Camere e convocare elezioni anticipate.

In quest’ultima ipotesi, cioè in quella che prevede che l’Italia vada al voto, ci potrebbe essere un debutto che a qualche partito farebbe tremare le gambe, vale a dire quello di una «lista Conte» a cui si lavora già da tempo.

Un sondaggio effettuato da Winpoll per il quotidiano Il Sole 24 Ore e pubblicato questa mattina, offre qualche spunto sulla reale portata di questa nuova formazione politica e, soprattutto, svela chi soffrirebbe di più nel caso in cui Conte decidesse davvero di presentarsi alle elezioni per conto proprio, sganciandosi dai partiti che oggi lo sostengono.

Il sondaggio ci dice che la lista Conte arriverebbe ad un 16,5% dei consensi, raddoppiando quelli del Movimento 5 Stelle, superando anche il Partito Democratico e tallonando Fratelli d’Italia di appena lo 0,2%. La Lega resterebbe, comunque, il primo partito.

Ecco come si voterebbe oggi con una lista Conte, secondo il sondaggio commissionato dal Sole 24 Ore:

  • Lega: 23,3%;
  • Fratelli d’Italia: 16,7%;
  • Lista Conte: 16,5%;
  • Partito Democratico: 13,6%;
  • Movimento 5 Stelle: 8,3%;
  • Forza Italia: 6,2%;
  • Azione: 3,1%;
  • Italia Viva: 2,6%.

A livello di coalizioni, la battaglia si farebbe incerta con un leggero vantaggio del centrodestra che si attesterebbe attorno al 48% contro il 47% del centrosinistra.

Quanto incide, dunque, questa eventuale lista Conte sui consensi raccolti dalle altre forze politiche? In alcuni casi poco, in altri fin troppo. Conte pescherebbe voti soprattutto dai partiti che finora l’hanno appoggiato al Governo, cioè dal Movimento 5 Stelle e dal Partito Democratico: su 100 voti raccolti dal premier dimissionario, infatti, 55 arriverebbero da M5S e Pd (metà da ciascuno). Qualcosa «ruberebbe» anche al centrodestra, ma in modo molto più irrilevante (circa il 3% alla Lega e il 2% a Fdi).

Conte resta sempre il leader con il più alto indice di gradimento, raccogliendo il 44% del consenso degli intervistati, anche di poco rispetto alla leader di Fratelli d’Italia Giorgia Meloni, appena 2 punti dietro al premier. Matteo Salvini raccoglie il 37%, 2 punti in più del ministro della Salute Roberto Speranza. E Matteo Renzi? In fondo alla lista con il gradimento all’11%, la metà rispetto al ministro degli Esteri Luigi Di Maio.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube