Diritto e Fisco | Articoli

La sofferenza e il dolore che portano al suicidio vanno sempre risarciti

29 Gennaio 2014 | Autore:
La sofferenza e il dolore che portano al suicidio vanno sempre risarciti

Vita completamente sconvolta: il danno esistenziale subìto da chi si suicida deve essere risarcito.

Anche la sofferenza che porta una persona a suicidarsi può essere risarcibile. Secondo infatti una recente sentenza della Cassazione [1], gli eredi di una persona tanto disperata da arrivare, in perfetta coscienza e lucidità, a togliersi la vita possono chiedere un ulteriore risarcimento.

Il caso deciso dalla Corte si riferisce ai figli di un uomo che si era suicidato per via della morte della moglie in un incidente stradale. Gli eredi hanno chiesto – e ottenuto – dall’assicurazione il risarcimento non solo del danno per la perdita della madre, ma anche per il dolore interiore sofferto dal padre, dolore che lo aveva portato all’estremo gesto.

Si comprende, quindi, come la sentenza in commento sia un precedente del tutto eccezionale e importante: essa infatti riconosce una nuovissima voce di danno che sino ad oggi era rimasta quasi ignorata dalla giurisprudenza. La depressione indotta dalla perdita di un caro, depressione che che provoca uno sconvolgimento talmente forte da portare al suicidio, è un danno a sé stante che va risarcito oltre a tutte le altre richieste.

Si tratta, comunque, di danno morale (o anche danno non patrimoniale), inteso come patema d’animo o sofferenza interiore.
Secondo la Suprema Corte, lo sconvolgimento delle abitudini di vita, come nel caso di un uomo che perda la propria moglie a causa di un incidente, integra il danno da perdita del rapporto parentale (o cosiddetto esistenziale).

 

Tale danno si trasmette agli eredi e va valutato dal giudice sulla base delle circostanze del caso concreto.   


note

 

[1] Cass., sent. n. 1361 del 23.01.14

Autore immagine: 123rf.com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube