Diritto e Fisco | Articoli

Passeggini nell’androne condominiale: è lecito?

24 Maggio 2021 | Autore:
Passeggini nell’androne condominiale: è lecito?

Spazi comuni in condominio: è legale occuparli con le proprie cose? Assemblea e regolamento possono vietare di ingombrare le aree comuni?

Nei condòmini, soprattutto se molto grandi, è difficile far rispettare l’ordine. Ciò accade in special modo con riguardo alle parti comuni dell’edificio, come le scale, il cortile o l’androne. Accade infatti che, con la scusa che si tratta di un bene comune, vengano lasciate le proprie cose occupando lo spazio che dovrebbe servire a tutti. Quante volte si trovano le biciclette parcheggiate nel cortile, sotto il portico o nell’andito? Lo stesso problema si pone con le carrozzelle per neonati. Con questo articolo vedremo se è lecito lasciare i passeggini nell’androne condominiale.

Rispondere al quesito significa in realtà fornire una risposta a un’altra domanda, molto più generica: si possono occupare gli spazi condominiali con le proprie cose? È legale lasciare in giro per il condominio oggetti di proprietà esclusiva, magari perché non si sa dove metterli oppure semplicemente perché è più comodo così? Se cerchi le risposte a queste domande, sei nel posto giusto. Prenditi cinque minuti e prosegui nella lettura: vedremo se è legale lasciare i passeggini nell’androne condominiale.

Spazi comuni in condominio: quali sono?

Per capire se sono leciti i passeggini lasciati nell’androne condominiale occorre comprendere la natura giuridica dell’androne all’interno dell’edificio. L’androne è area comune oppure esclusiva, cioè riservata solamente ad alcuni condòmini?

Secondo la legge [1], a meno che il regolamento contrattuale non stabilisca diversamente, sono parti comuni del condominio:

  • tutte le parti dell’edificio necessarie all’uso comune, come il suolo su cui sorge l’edificio, le fondazioni, i muri maestri, i pilastri e le travi portanti, i tetti e i lastrici solari, le scale, i portoni di ingresso, i vestiboli, gli anditi, i portici, i cortili e le facciate;
  • le aree destinate a parcheggio nonché i locali per i servizi in comune, come la portineria (incluso l’alloggio del portiere), la lavanderia, gli stenditoi e i sottotetti destinati, per le caratteristiche strutturali e funzionali, all’uso comune;
  • le opere, le installazioni, i manufatti di qualunque genere destinati all’uso comune, come gli ascensori, i pozzi, le cisterne, gli impianti idrici e fognari, i sistemi centralizzati di distribuzione e di trasmissione per il gas, per l’energia elettrica, per il riscaldamento ed il condizionamento dell’aria, per la ricezione radiotelevisiva e per l’accesso a qualunque altro genere di flusso informativo, anche da satellite o via cavo.

Androne condominiale: è area comune?

Sebbene l’androne del condominio non rientri tra le parti comuni così come stabilite nell’elenco visto nel paragrafo precedente, si ritiene comunemente che esso sia a tutti gli effetti un’area comune, cioè di proprietà di tutti i condòmini.

La lista delle parti comuni del condominio non è, infatti, tassativa né esaustiva: le parti e il regolamento potrebbero prevederne altre oppure addirittura escluderne alcune.

Inoltre, devono ritenersi comuni, anche se non inserite nell’elenco di legge, tutte le parti che necessariamente devono essere attribuite a tutti per via del loro necessario utilizzo. È proprio questo il caso dell’androne.

Secondo la giurisprudenza [2], le scale e l’androne, essendo elementi strutturali necessari all’edificazione di uno stabile condominiale e mezzo indispensabile per accedere al tetto ed al terrazzo di copertura, conservano, in assenza di titolo contrario, la qualità di parti comuni.

Dunque, non c’è dubbio che l’androne sia una cosa comune che appartiene a tutti i condòmini. Ma allora è legale lasciare i passeggini nell’androne? Scopriamolo nel prossimo paragrafo.

Androne: si possono lasciare i passeggini?

È possibile lasciare i passeggini nelle aree comuni del condominio e, nello specifico, nell’androne? La risposta è: dipende.

Secondo la legge [3], ciascun condomino può servirsi della cosa comune, purché non ne alteri la destinazione e non impedisca agli altri partecipanti di farne parimenti uso secondo il loro diritto.

Dunque, non è possibile ingombrare le zone condominiali (androni, cortili, pianerottoli, ecc.) se l’occupazione è di intralcio agli altri, i quali sono di fatto impediti a poter godere dell’area come vorrebbero.

In pratica, l’uso della cosa comune deve permettere ad ogni altro singolo condomino di servirsene anche per soddisfare le proprie analoghe esigenze.

Da quanto detto, si evince che non è possibile lasciare i passeggini nell’androne condominiale se sono di intralcio agli altri, trattandosi di luogo adibito alla sua destinazione naturale, ovverosia al transito delle persone per accedere agli alloggi.

È possibile che un passeggino sia lasciato per poco tempo per via dell’immediato utilizzo che il proprietario intende farne, ma non è possibile adibire l’androne a “parcheggio” abituale di passeggini.

Il regolamento e l’assemblea potrebbero tuttavia stabilire regole più severe, vietando che le aree comuni (ivi incluso l’androne) siano sempre liberi da cose e oggetti di proprietà privata.

In assenza di un divieto esplicito, lasciare i passeggini nell’androne è lecito se non si crea intralcio al passaggio degli altri condòmini.

Androne occupato da passeggini: cosa fare?

Nel caso in cui l’androne (o altra parte comune) sia totalmente occupato da passeggini o da altre cose di proprietà privata, l’amministratore o i condòmini, anche singolarmente, possono diffidare l’esecutore e possono chiedere la convocazione dell’assemblea per far cessare la violazione, anche mediante azioni giudiziarie [4].


In assenza di un divieto esplicito, lasciare i passeggini nell’androne è lecito se non si crea intralcio al passaggio degli altri condòmini.

note

[1] Art. 1117 cod. civ.

[2] Cass., sent. n. 9986/2017.

[3] Art. 1102 cod. civ.

[4] Art. 1117-quater cod. civ.

Autore immagine: canva.com/


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

4 Commenti

  1. Nel mio condominio, ci sono 3 famiglie con bambini piccoli. Ora, se abbiamo un ascensore, mi chiedo perché non sfruttarlo per evitare di lasciare i passeggini nell’androne? Perché occuparlo facendo un’esposizione di passeggini? Mica dobbiamo rischiare di inciamparci perché loro non possono scomodarsi di fare sali e scendi. E poi è davvero illogico il loro comportamento

  2. Ho un bimbo piccolo e lo portiamo ancora a spasso con il passeggino. Nel mio palazzo non c’è l’ascensore e quindi non è affatto semplice riuscire ad organizzarci. Tuttavia, quando usciamo con mia moglie, lascio il passeggino nel cofano dell’auto, così evitiamo di occupare l’androne condominiale. Ma poi quelle volte in cui ho necessità di tenerlo a casa, mia moglie tiene in braccio il piccolo ed io mi carico a piedi il passeggino.

  3. Un conto che uno lascia il passeggino ogni tanto nell’androne perché per un motivo o per un altro non è riuscito a salirlo a casa, altra cosa è prenderla come abitudine e inibire l’uso di quello spazio agli altri condomini. Ma se tutti facessero così, allora quell’androne sarebbe uno scarico merci!

  4. Come al solito serve buon senso e anche un poco di solidarietà. Se l’androne è spazioso e i passeggini non recano alcun impedimento ai condomini, non vedo perché vietarne la sosta. Portarlo in casa, considerando che oggi molti appartamenti non hanno ingresso ma si entra direttamente nel soggiorno-pranzo, vietarlo mi appare come una mancanza di solidarietà e oggi ne manca a molti

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube