Diritto e Fisco | Articoli

Chi attesta la formazione dei lavoratori?

25 Maggio 2021
Chi attesta la formazione dei lavoratori?

La legge prescrive di impartire ai lavoratori un’apposita formazione in determinate materie.

Sei un piccolo imprenditore ed hai dieci persone alle tue dipendenze. Vuoi rispettare gli obblighi di formazione dei lavoratori in materia di salute e sicurezza sul lavoro. Vuoi sapere chi deve attestare la partecipazione dei dipendenti ai predetti corsi.

Sono numerose le fattispecie cui la legge riconduce l’obbligo di erogare al lavoratore una specifica formazione. Il principale ambito in cui i lavoratori devono essere formati è la salute e la sicurezza negli ambienti di lavoro. Ma chi attesta la formazione dei lavoratori? Cosa deve fare il datore di lavoro per dimostrare di aver erogato la formazione prevista dalla legge? La Cassazione si è pronunciata più volte su questi argomenti affermando che è necessario produrre le copie cartacee degli attestati di frequenza. Ma andiamo per ordine.

Cos’è la formazione dei lavoratori?

La formazione dei lavoratori è un’attività volta a trasmettere ai dipendenti determinate conoscenze e competenze. In alcuni casi, la somministrazione di attività formativa è una libera scelta del datore di lavoro ed è preordinata a preparare il lavoratore a svolgere le mansioni contrattuali per cui è stato assunto. Basti pensare alla formazione con cui il datore di lavoro illustra ai dipendenti le modalità di utilizzo degli strumenti aziendali o di funzionamento degli strumenti di lavoro.

Questo tipo di formazione viene, generalmente, erogata ai dipendenti:

  • subito dopo l’assunzione;
  • in caso di modifica delle mansioni del dipendente;
  • in caso di modifiche organizzative o tecniche introdotte in azienda.

In alcuni casi, tuttavia, la formazione dei lavoratori non soddisfa esigenze aziendali o di training del dipendente ma viene richiesta espressamente dalla legge.

In questo ambito, si possono menzionare, in particolare:

  1. la formazione che deve essere erogata al lavoratore assunto con contratto di apprendistato;
  2. la formazione obbligatoria dei lavoratori in materia di salute e sicurezza sul lavoro.

Sicurezza sul lavoro: la formazione dei lavoratori

Il testo unico in materia di salute e sicurezza sui luoghi di lavoro [1] prevede che il lavoratore debba essere parte attiva nell’implementazione della sicurezza in azienda. Per questo, il lavoratore deve essere reso edotto di quali sono i rischi presenti in azienda per la salute e la sicurezza dei dipendenti e di cosa deve fare per lavorare in sicurezza. La formazione dei lavoratori ha proprio questa finalità.

La legge prevede l’obbligo di erogare una formazione differenziata ai lavoratori sulla base delle mansioni cui sono addetti e dei rischi specifici legati alle lavorazioni presenti in azienda. Inoltre, i lavoratori che hanno ruoli di coordinamento e di responsabilità in ambito di sicurezza sul lavoro, come i dirigenti e i preposti, devono ricevere una formazione ulteriore rispetto a quella generalmente erogata tutti i dipendenti. Anche il rappresentante dei lavoratori per la sicurezza deve seguire un modulo di formazione ulteriore rispetto alla generalità dei dipendenti.

Ma quando deve essere erogata la formazione ai dipendenti? La legge [2] prevede l’obbligo di formare i lavoratori sulla sicurezza aziendale in occasione:

  • della costituzione del rapporto di lavoro o dell’inizio dell’utilizzazione qualora si tratti di somministrazione di lavoro;
  • del trasferimento o cambiamento di mansioni;
  • della introduzione di nuove attrezzature di lavoro o di nuove tecnologie, di nuove sostanze e preparati pericolosi.

Chi attesta la formazione dei lavoratori?

Per dimostrare di aver correttamente assolto all’obbligo di formazione previsto dalla legge, il datore di lavoro deve presentare, in caso di richiesta, gli attestati rilasciati dagli enti erogatori dei corsi di formazione ai lavoratori. Nell’attestato, deve essere specificata la data in cui lavoratore ha seguito il corso di formazione, la durata delle lezioni e l’oggetto delle stesse.

La formazione in ambito salute e sicurezza sul lavoro viene, dunque, attestata dal soggetto che ha erogato l’attività formativa stessa. Il datore di lavoro deve prestare molta attenzione a tale aspetto posto che, in caso di infortunio sul lavoro o malattia professionale, se viene invocata la responsabilità aziendale per aver omesso di erogare la formazione necessaria, egli deve essere in grado di dimostrare di aver ottemperato all’obbligo di formazione dei dipendenti, e deve conservare in azienda l’attestazione dell’avvenuta formazione, secondo quanto previsto dalla normativa [3]. Se non è in grado di fornire questa prova, può essere considerato responsabile, sotto il profilo penale, per la causazione dell’evento lesivo [4].

Nel caso del contratto di apprendistato, invece, la formazione prevista nel libretto formativo individuale viene attestata dal tutor, ossia, il referente aziendale cui viene affidato il compito di affiancare l’apprendista nella formazione.


note

[1] D. Lgs. 81/2008.

[2] Art. 37 co. 4, D. Lgs. 81/2008.

[3] DM 16.01.1997; Accordo Stato-Regioni del 21.12.2011.

[4] Cass. n. 37312 del 9.09.2014.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube