Diritto e Fisco | Articoli

Nessun obbligo di comunicare i dati del conducente per chi impugna la multa

2 Febbraio 2014
Nessun obbligo di comunicare i dati del conducente per chi impugna la multa

Chi propone ricorso al giudice contro il verbale non deve comunicare i dati dell’effettivo conducente dell’auto per la detrazione dei punti dalla patente: illegittima la multa per mancato ottemperamento all’ordine dell’autorità se, nel frattempo, l’automobilista ha impugnato la multa.

Chi riceve a casa una multa che non gli è stata notificata nell’immediatezza dell’infrazione, molto probabilmente riceverà, allegato al verbale, anche un invito (che in verità è un ordine) a comunicare i dati dell’effettivo conducente del veicolo. E ciò perché, in tal modo, l’autorità provvederà a decurtare i punti dalla patente di quest’ultimo. Chi non ottempera a tale obbligo riceve una sanzione piuttosto salata.

Sulle insidie di questo meccanismo abbiamo parlato in passato in un precedente articolo (leggi: “Multe: occhio all’avviso di comunicazione dei dati del conducente. Come difendersi”).

È di questi giorni, però, la decisione del Giudice di Pace di Parma [1] secondo cui chi impugna la multa non è tenuto a fornire la suddetta comunicazione. E ciò vale sia che il ricorso venga proposto al giudice, sia al Prefetto. Infatti, la comunicazione delle generalità dell’effettivo conducente non può prescindere dalla definizione del procedimento sull’opposizione alla multa.

La causa relativa all’impugnazione della multa è pregiudiziale rispetto alla causa per la mancata comunicazione delle generalità di chi era alla guida. Pertanto, non si può assolvere all’obbligo fino a quando il primo giudizio non risulta definito.

In nessun caso – si legge nella sentenza in commento – il proprietario è tenuto a rivelare i dati personali e della patente del conducente prima della definizione del ricorso al giudice o al Prefetto con cui si chiede l’annullamento del verbale di contestazione dell’infrazione.

Infatti, nel sistema della patente a punti la decurtazione può scattare solo quando l’accertamento è definitivo, ossia quando risulta avvenuto il pagamento della sanzione o concluso il procedimento del ricorso (amministrativo o giurisdizionale) oppure ancora è scaduto il termine per depositare l’opposizione.


note

[1] G.d.P. Parma, sent. n. 703/13.

Autore immagine: 123rf.com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube