HOME Articoli

Lo sai che? Avvocati: onorari dimezzati se la causa è seriale e facile

Lo sai che? Pubblicato il 1 febbraio 2014

Articolo di




> Lo sai che? Pubblicato il 1 febbraio 2014

Se la causa non presenta difficoltà, gli onorari possono essere ridotti dal giudice, scorporando le attività non necessarie ai fini dell’espletamento del mandato.

Non basta la crisi e l’aumento delle spese di giustizia: a rendere ancora più complicata, per gli avvocati, la possibilità di “vivere” con le cause ci si mette anche la Cassazione che, con una recentissima sentenza [1], fissa una sorta di spartiacque tra cause seriali e, quindi, facili da un lato e cause più complesse dall’altro. Per le prime – stabilisce la Corte – il giudice ben può ridurre al minimo gli onorari dell’avvocato posto che la controversia non presenta alcuna difficoltà.

Non solo. Dalla “nota spese” del legale vengono anche scorporate tutte le voci per attività che, seppur prestate, non sono necessarie. Come, per esempio, la voce “costituzione in mora” che, almeno nelle richieste di risarcimento del danno da fatto illecito, è superflua, posto che, in tali casi, il debitore è automaticamente in mora dal giorno dell’illecito, senza bisogno di alcuna lettera di diffida [2].

Nel caso deciso dalla Cassazione, si trattava di una causa per un sinistro stradale causato dal malfunzionamento di un semaforo: il giudizio, che aveva portato alla vittoria dell’attore, è stato comunque ritenuto dai giudici “di routine” e, pertanto, le tariffe sono state dimezzate.

note

[1] Cass. sent. n. 1972/14 del 29.01.2014.

[2] Art. 1219 cod. civ.

Autore immagine: 123rf.com


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:
Informativa sulla privacy

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI