Diritto e Fisco | Articoli

Passo carrabile e fermata: è consentita?

4 Febbraio 2021 | Autore:
Passo carrabile e fermata: è consentita?

Qual è la differenza con la sosta e cosa si rischia a sospendere per un attimo la marcia davanti ad un portone da cui entrano ed escono delle auto?

Parti da casa in auto per andare al lavoro. Devi passare a prendere, come ogni mattina, il collega con cui dividi le spese del viaggio. Il tuo collega ti aspetta, questa volta, non davanti al portone di casa sua ma qualche metro più in là, dove c’è l’entrata per le auto dei vicini. Appesa al portone, la scritta «passo carrabile» ed il segnale di divieto di sosta. Freni, accosti proprio davanti al cartello, scendi lasciando l’auto accesa per salutare il collega e fumare una sigaretta prima di partire. In quel momento, vedi che si avvicina una coppia di assistenti della sosta. Ti viene da pensare che potrebbe darti la multa per avere tirato il freno a mano in quel punto.

Ma dove c’è un passo carrabile, la fermata è consentita? Bisognerebbe dire che, nel tuo caso, tutto dipende da quanto ci metti a salutare il collega e a fumarti la sigaretta e da dove ve la fumate. Sarebbe sempre meglio non farlo: ci guadagnerebbe la vostra salute. Ad ogni modo, per sapere se la fermata davanti al passo carrabile è consentita, occorre ricordare un elemento fondamentale, ovvero la differenza tra la sosta e la fermata. Due termini che a volte vengono utilizzati come sinonimi ma che, ai fini di una multa stradale, non lo sono affatto. Cominciamo da qua.

Fermata e sosta: qual è la differenza?

Capire la differenza tra fermata e sosta è fondamentale per evitare una multa davanti ad un passo carrabile.

Per «fermata» si intende la sospensione della marcia per un breve lasso di tempo, ad esempio per far salire una persona in auto. Per dirla con il Codice della strada, si tratta della «temporanea sospensione della marcia anche se in area ove non sia ammessa la sosta, per consentire la salita o la discesa delle persone, ovvero per altre esigenze di brevissima durata. Durante la fermata, che non deve comunque arrecare intralcio alla circolazione, il conducente deve essere presente e pronto a riprendere la marcia» [1].

Per «sosta», invece, lo stesso articolo del Codice intende «la sospensione della marcia del veicolo protratta nel tempo, con possibilità di allontanamento da parte del conducente». Inoltre, durante la sosta il veicolo deve avere il motore spento.

In altre parole: mettere la freccia, accostare, far salire il collega di lavoro e ripartire, è considerato una fermata. Mettere la freccia, accostare, spegnere l’auto, scendere, prendere un caffè al bar con il collega, risalire in auto dopo due minuti e ripartire è considerato sosta, poiché c’è un «allontanamento da parte del conducente», anche se per un breve periodo di tempo.

In entrambi i casi, la macchina deve trovarsi «il più vicino possibile al margine destro della carreggiata parallelamente ad esso e secondo il senso di marcia».

Fermata: dov’è vietata?

Ci sono dei punti in cui non solo la sosta ma anche la breve fermata non sono consentite, che ci sia o meno la segnaletica che lo indica.

In pratica, non è possibile fermare o sostare [2]:

  • in prossimità o in corrispondenza dei passaggi a livello e sui binari di linee ferroviarie o tranviarie o così vicino da impedire il transito dei mezzi;
  • nelle gallerie, nei sottovia, sotto i sovrapassaggi o sotto i portici, salvo diversa segnalazione;
  • sui dossi e nelle curve e, fuori dei centri abitati e sulle strade urbane di scorrimento, anche in loro prossimità;
  • in corrispondenza e in prossimità di segnali stradali verticali e semaforici in modo da occultarne la vista e lungo le corsie di canalizzazione;
  • fuori dei centri abitati, sulla corrispondenza e in prossimità delle aree di intersezione;
  • nei centri abitati, sulla corrispondenza delle aree di intersezione e in prossimità delle stesse a meno di 5 m dal prolungamento del bordo più vicino della carreggiata trasversale, salvo diversa segnalazione;
  • sui passaggi e attraversamenti pedonali e sui passaggi per ciclisti, nonché sulle piste ciclabili e agli sbocchi delle medesime;
  • sui marciapiedi, salvo diversa segnalazione.

In tutti questi luoghi, dunque, sono vietate sia la sosta sia la fermata. Come si può vedere, nulla è detto a proposito dei passi carrabili. Ma è il comma successivo di questo articolo del Codice della strada quello che risponde ancora più chiaramente alla nostra domanda di fondo. Vediamo.

Fermata al passo carrabile: è vietata?

Se nei luoghi citati nel paragrafo precedente sono vietate sia la sosta sia la fermata, ce ne sono altri in cui il divieto interessa soltanto la sosta, cioè la sospensione della marcia per un periodo di tempo prolungato, ovvero:

  • dovunque venga impedito di accedere ad un altro veicolo regolarmente in sosta, oppure lo spostamento di veicoli in sosta;
  • in seconda fila, salvo che si tratti di veicoli a due ruote;
  • negli spazi riservati allo stazionamento e alla fermata degli autobus, dei filobus e dei veicoli circolanti su rotaia e, ove questi non siano delimitati, a una distanza dal segnale di fermata inferiore a 15 m, nonché negli spazi riservati allo stazionamento dei veicoli in servizio di piazza;
  • sulle aree destinate al mercato e ai veicoli per il carico e lo scarico di cose, nelle ore stabilite;
  • sulle banchine, salvo diversa segnalazione;
  • negli spazi riservati alla fermata o alla sosta dei veicoli per persone invalide e in corrispondenza degli scivoli o dei raccordi tra i marciapiedi, rampe o corridoi di transito e la carreggiata utilizzati dagli stessi veicoli;
  • nelle corsie o carreggiate riservate ai mezzi pubblici;
  • negli spazi riservati alla fermata e alla sosta dei veicoli elettrici in ricarica;
  • nelle aree pedonali urbane;
  • nelle zone a traffico limitato per i veicoli non autorizzati;
  • negli spazi asserviti ad impianti o attrezzature destinate a servizi di emergenza o di igiene pubblica indicati dalla apposita segnaletica;
  • davanti ai cassonetti dei rifiuti urbani o contenitori analoghi;
  • limitatamente alle ore di esercizio, in corrispondenza dei distributori di carburante ubicati sulla sede stradale ed in loro prossimità sino a 5 metri prima e dopo le installazioni destinate all’erogazione.

E poi, ecco che troviamo quello che stavamo cercando: è vietata la sosta «allo sbocco dei passi carrabili». È vietata, dunque, la sosta, non la fermata. Da ciò si deduce che la fermata davanti al passo carrabile è consentita.

C’è, comunque, un «ma». Può succedere che il proprietario del luogo in cui c’è il passo carrabile chieda ed ottenga dal Comune un permesso a pagamento per vietare sia la sosta sia la fermata. In questo caso, davanti al portone o al cancello non troveremo questo segnale:

Ma troveremo quest’altro:

Questo segnale doppiamente sbarrato indica che sono vietate la sosta e la fermata, quindi se per pura sfortuna capita di fermare la macchina davanti ed in quel momento passa un agente di Polizia municipale che vuole fare una multa, la sanzione sarà legittima.


note

[1] Art. 157 cod. str.

[2] Art. 158 cod. str.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube