Politica | News

Governo: Draghi accetta con riserva

3 Febbraio 2021 | Autore:
Governo: Draghi accetta con riserva

L’ex presidente della Bce riceve l’incarico da Mattarella: «Servono risposte all’altezza della situazione, per questo accetto l’incarico con speranza».

Come previsto, Mario Draghi ha ricevuto dal Capo dello Stato, Sergio Mattarella, l’incarico di formare un nuovo Governo. L’ex governatore della Banca centrale europea ha accettato l’incarico con riserva. Si tratta di una formula che non stupisce, poiché è una prassi quando l’incarico viene conferito ad una persona non legata ai partiti politici nell’ambito di una crisi di Governo.

«Ringrazio il presidente della Repubblica per la fiducia», ha detto Draghi al termine del colloquio con Mattarella, nel suo primo intervento da Presidente incaricato. «È un momento difficile e rispondo positivamente all’appello del Capo dello Stato. Vincere la pandemia, completare la campagna vaccinale, rispondere alle esigenze dei cittadini, rilanciare il Paese, sono le nostre sfide. Abbiamo le risorse straordinarie che arrivano dall’Unione Europea e possiamo fare molto per il futuro del Paese. Con grande rispetto, mi rivolgerò innanzitutto al Parlamento: sono fiducioso che dal confronto con i partiti e i gruppi parlamentari e dal dialogo con le forze sociali, emerga unità e con essa la capacità di dare una risposta responsabile e positiva alla richiesta del presidente della Repubblica. Scioglierò la mia riserva al termine delle consultazioni».

Draghi, come prevede il protocollo di cortesia, si recherà nel pomeriggio dai presidenti del Senato e della Camera, Elisabetta Casellati e Roberto Fico, dopodiché è atteso a Palazzo Chigi per un primo colloquio con il presidente del Consiglio uscente, Giuseppe Conte. «Cosa dirò a Draghi? Lo saprà lui in anteprima», ha detto Conte all’uscita della propria abitazione nel primo pomeriggio.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube