Cashback: come avere il rimborso gratis

3 Febbraio 2021
Cashback: come avere il rimborso gratis

Il presupposto di base è spendere, dopodiché, viene restituito il 10% dell’importo. Ma alcuni «trucchi» consentono di bypassare le regole basilari del bonus.

Il rischio è che «il Governo si ritrovi a regalare soldi, senza aver aiutato nessuno, né combattuto l’evasione fiscale». A segnalarlo è l’inviata di Striscia la Notizia Stefania Petyx, in un servizio sul cashback.

La misura, lanciata a titolo sperimentale a Natale, per rilanciare i consumi e incentivare ai pagamenti elettronici così da tracciarli, è entrata a regime a inizio anno. Consiste in un rimborso del 10% su ogni spesa (per un massimo di 15 euro, anche se la cifra supera i 150 euro), purché si paghi con carta di credito, carta di debito, bancomat e altri strumenti elettronici.

Niente contanti: in un semestre, per avere diritto al rimborso, il cliente deve eseguire un minimo di cinquanta transazioni. Così avrà il cashback che gli spetta, per un massimo di 300 euro annui e 150 a semestre. Va dunque da sé che il minimo sindacale per ottenere il rimborso è spendere, secondo il concetto che più si spende più soldi si possono riavere indietro.

La trasmissione di Antonio Ricci, però, ha scoperto un paio di trucchi per avere comunque i rimborsi senza effettuare spese. Il che, ovviamente, snatura uno degli obiettivi principali dell’agevolazione, cioè risollevare almeno un po’ un’economia, specie quella dei negozi di vendita al dettaglio, disastrata dal Covid e dalla concorrenza spietata dell’e-commerce.

I metodi illustrati da Striscia sono due. Il primo: il reso. Cioè fare un acquisto, poi restituire l’articolo comprato con la scusa che è «difettoso». Il negozio ridà indietro i soldi, ma il sistema non è attrezzato per questo tipo di evenienze. Quindi, la transazione viene riconosciuta comunque e conteggiata tra quelle utili per ottenere il cashback, anche se tecnicamente non si è speso nulla.

Secondo metodo: la ricarica della propria Postepay usando la carta di credito o il bancomat. Anche in tal caso, nessuna spesa: solo uno spostamento di denaro da una carta all’altra. «Se questi trucchetti li usano tutti, lo Stato si ritroverà a regalare soldi», è l’amara conclusione dell’inviata di Striscia.

Ma non è finita qui. Un terzo trucco, o bug, o falla, se preferite, è quello di cui parla il sito Investire oggi per aumentare il rimborso.

Basta comprare una carta prepagata usa e getta, circuito Visa o Mastercard, per esempio dell’importo di 100 euro, e registrarla sull’app Io. Funziona come una normale carta di debito. Comprandola si avrà diritto a un rimborso del 10% (quindi a 10 euro). Poi, si potrà ottenere un ulteriore cashback sugli acquisti fatti con la carta.

Infine, c’è anche il trucco per aggirare la regola degli acquisti online che non valgono ai fini del cashback: è sufficiente comprare dei buoni, ad esempio per gli acquisti su Amazon, e si otterrà la restituzione del 10% del costo del buono (per approfondire leggi qui: Cashback: come ottenerlo sugli acquisti online).



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube